Pubblicità

Sistema immunitario e depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2853 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

La risposta immunitaria del nostro organismo potrebbe spiegare perchè le donne che utilizzano contraccettivi ormonali abbiano un maggior rischio di sviluppare depressione.

depressioneI disturbi depressivi colpiscono all’incirca il 10% della popolazione americana, tuttavia l’incidenza della depressione sulle donne è il doppio rispetto a quella degli uomini.

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Brain, Behavior, and Immunity, ha fornito delle evidenze preliminari rispetto al fatto che questa differenza potrebbe essere dovuta alla risposta del nostro sistema immunitario.

La ricerca potrebbe, inoltre, aiutare a spiegare perché le donne che utilizzano contraccettivi ormonali debbano confrontarsi con un maggior rischio di sviluppare questa tipologia di disturbo.

Uno degli autori di questo studio, Jonathan Savitz (ricercatore illustre presso il Laureate Institute for Brain Research e professore all’Università di Tulsa), ha spiegato che alcune molecole, considerate neuro-protettive, una volta rilasciate nel cervello in risposta ad una reazione infiammatoria dell’organismo, aiutano a proteggere i neuroni, promuovendone il loro benessere. Tuttavia, altre molecole (definite neuro-tossiche), prodotte anch’esse a seguito dell’infiammazione, possono avere effetti nocivi sull’organismo.

Le due differenti tipologie di molecole prodotte dall’infiammazione, ossia l’Acido Chinurenico (KynA, neuro-protettivo) e l’Acido Chinolinico (QA, neuro-tossico) hanno differenti effetti sui recettori NMDA del cervello.

Dai loro studi, i ricercatori hanno osservato che nel siero delle persone affette da depressione vi è una consistente riduzione della concentrazione di KynA. Oltre a questo, sono stati riscontrati anche livelli più elevati di metaboliti della chinurenina neurotossica, costantemente associati ad anomalie cerebrali strutturali e funzionali negli individui depressi.

Questi risultati hanno portato gli studiosi a ipotizzare che il metabolita chinurenico anomalo possa condurre verso quella strada che dalla “semplice” infiammazione porta alla depressione.

Pubblicità

Il Dottor Savitz ha riferito inoltre di aver riscontrato delle evidenti differenze legate al sesso: nelle donne sono stati riscontrati dei bassi livelli di metaboliti neuro-protettivi. Ciò è interessante dato che gli uomini e le donne differiscono sostanzialmente nel modo in cui il sistema immunitario risponde in caso di infiammazione, e che l’incidenza della depressione è di circa il doppio in quest’ultime, rispetto al sesso maschile.

Nel loro studio, costituito da un campione di 140 uomini e 350 donne, i ricercatori hanno scoperto che sia le donne sane che quelle depresse avevano livelli di Acido Chinurenico significativamente inferiori rispetto agli uomini e che questi livelli erano ancora più bassi in quelle donne che facevano uso di contraccettivi ormonali rispetto a coloro che non ne assumevano. 

Gli studiosi mettono in evidenza come, storicamente, il maggior tasso di depressione nel sesso femminile era stato attribuito a fattori psico-sociali e ormonali.

Tuttavia, date le significative differenze che sono state riscontrate nella risposta immunitaria femminile e quella maschile, i ricercatori ritengono che il sistema immunitario o comunque l’interazione tra sistema immunitario e altri fattori (quali i fattori ormonali) possano in parte spiegare le differenze legate al sesso nell’epidemiologia della depressione.

Per verificare e confermare i risultati ottenuti, tuttavia sono necessari ulteriori studi che approfondiscano diversi aspetti che in questo studio non sono stati considerati, quali ad es. la tipologia di contraccettivo utilizzata dalle donne o anche la durata del suo utilizzo.

Oltre a questo, bisogna considerare che lo studio condotto da Savitz e colleghi è stato uno studio di tipo cross-sectional e che, dunque, i risultati ottenuti sono correlazionali e non necessariamente causali.

Condurre degli altri studi, soprattutto quelli epidemiologici su larga scala o anche progetti prospettici per approfondire quanto emerso in questa ricerca, risulterebbe tanto interessante quanto utile, in quanto potrebbe aiutare i professionisti della salute mentale a determinare con più precisione il ruolo della risposta immunitaria nella genesi della depressione.

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: sistema immunitario risposta immunitaria; contraccettivo ormonale;

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni