Pubblicità

Slot machine: i giocatori che le considerano macchine «pensanti» giocano (e perdono) di più

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 802 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

«Umanizzare» il funzionamento delle slot machine porta chi le usa a giocare il 50% in più: considerarle un puro algoritmo potrebbe aiutare a smettere o a puntare menogioco news

Rendere “umana” una slot machine è potenzialmente pericoloso perché la gente interessata ci giocherà di più e ci perderà più soldi.

È la risposta che ha dato uno studio davvero particolare effettuato da un team del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, pubblicato sul Journal of Experimental Psychology: Applied.

La tendenza all’antropomorfismo

La ricerca ha preso le mosse dalla naturale tendenza degli esseri umani all’antropomorfismo, ovvero attribuire caratteristiche umane ad agenti non umani come animali, macchine, fenomeni naturali. A questo riguardo, i ricercatori di Milano-Bicocca si sono chiesti se c’è un collegamento tra l’antropomorfizzazione delle slot machine e il comportamento nel gioco d’azzardo e l’hanno studiato.In particolare si è visto che “umanizzare” le macchine da gioco porta a incrementare le giocate fino al 50% e a perdere maggiori somme di denaro.

Il primo esperimento

L’umanizzazione delle macchine non è stata fatta a livello fisico o di sembianze, ma con una serie di affermazioni che avrebbero influenzato i giocatori di slot machine. Gli studi sono stati 5 con oltre 400 persone.
Nel primo studio è stato chiesto a un gruppo di non giocatori e a un gruppo di giocatori abituali di valutare una serie di frasi che potessero essere o meno attribuite alle slot machine, come: “La slot machine può decidere di premiarmi ogni volta che vuole”. I risultati hanno mostrato che il gruppo dei giocatori abituali tendeva spontaneamente, in una misura maggiore di oltre il 50% rispetto all’altro gruppo, a percepire la macchina da gioco come un essere pensante.

 

Tratto da corriere.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

News Letters

0
condivisioni