Pubblicità

Social Jetlag: Stanchezza Cronica e rischio di obesità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 302 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anzitutto che cosa è il Social Jetlag ? Con questo termine ci si riferisce a una sindrome della società contemporanea che riguarda lo sfasamento tra il nostro orologio biologico e i vincoli posti dalla nostra tabella di marcia quotidiana! Il più delle volte tale discrepanza tra il timing fisiologico (basato principalmente sull’alternanza di luce –buio) e il timing sociale (che segue le esigenze lavorative e sociali) esita in una deprivazione di sonno cronica, che può indurre le persone – cronicamente stanche- ad assumere maggiori quantità di caffeina, nicotina e alcool.

Ma c’è di più. Secondo uno studio epidemiologico su larga scala pubblicato on-line il 10 maggio su Current Biology il social jetlag contribuirebbe a far crescere il rischio di obesità.

Il team di ricercatori guidati da Till Roennenberg stanno compilando da dieci anni un enorme database sui comportamenti e sulle abitudini del sonno e della veglia negli esseri umani con la finalità di creare una sorta di mappa mondiale del sonno. Ora, a dieci anni di lavoro sono disponibili alcuni dati preliminari tra cui l’altezza, il peso e le abitudini del sonno dei partecipanti. Dalle analisi dei dati è emerso che le persone con un più grave social jetlag sono anche coloro che hanno maggiore probabilità di essere sovrappeso. In altre parole sembrerebbe che vivere in lotta con l’orologio costituirebbe un fattore di rischio per l’obesità.

 

Tratto da: "stateofmind.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

News Letters

0
condivisioni