Pubblicità

Soddisfatto della tua vita? Avrai il cuore più sano

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 256 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cuor contento il ciel l'aiuta, dice il proverbio. Ed è vero, almeno per quanto riguarda il rischio di ammalarsi di cuore o magari addirittura andare all'altro mondo per colpa di un infarto: chi è soddisfatto e contento di sé e della propria vita ha un minor rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Lo ha dimostrato una ricerca inglese pubblicata sull'European Heart Journal, condotta su circa 8000 funzionari pubblici inglesi.

 

 

La ricerca Whitehall II fin dagli anni '80 sta raccogliendo dati sull'influenza dello stress sulla salute, seguendo nel tempo un gruppo ampio di lavoratori anglosassoni. I dati hanno consentito di dimostrare, ad esempio, che lavorare troppo fa male al cuore e di confermare che ansia e depressione sono fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Finora però non si sapeva molto sul rovescio della medaglia: essere felici protegge dalle malattie? Intuitivamente vien da dire che la felicità mantenga in salute, ma al solito in medicina ci vuole pur sempre qualcuno che si prenda la briga di dimostrarlo con dati certi.

 

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni