Pubblicità

Solitudine e depressione sono collegati al guardare tanta TV

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1100 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio americano mette in relazione la depressione con il fenomeno sempre più diffuso del binge watching, ovvero delle maratone di serie tv.

binge-watchingSembra innocuo: stare seduti per una notte di “maratona”, a vedere il nostro spettacolo televisivo preferito, come House of Cards. Ma perché lo facciamo e può essere realmente innocuo? Un recente studio dei ricercatori della University of Texas at Austin hanno trovato che più solo e depresso sei, più probabilità hai di “binge-watching”.

Yoon Hi Sung, Eun Yeon Kang e Wei-Na Lee hanno condotto un sondaggio su 316 persone, dai 18 ai 29 anni, su: quanto spesso vedevano la TV; quanto spesso provavano sentimenti di solitudine, depressione e deficit di autoregolazione; e, infine, quanto spesso assumevano un comportamento di binge-watching. Loro hanno trovato che più soli e depressi i partecipanti allo studio erano, più era probabile che loro si comportavano in tale modo, usando questa attività per allontanarsi dai sentimenti negativi.

I risultati hanno mostrato anche che coloro che mancavano dell’abilità di controllarsi avevano più probabilità di binge-watching. Questi spettatori erano incapaci di fermarsi nel cliccare il tasto “Avanti”, anche quando erano consapevoli che avevano altri compiti da completare.

I fattori psicologici come la solitudine, la depressione ed il deficit nell’autoregolazione sono conosciuti come indicatori importanti di un comportamento “binge” in generale. Per esempio, ci sono persone che assumono comportamenti di dipendenza per dimenticare temporaneamente la realtà, nella quale esperiscono solitudine e depressione, e la loro mancanza di autoregolazione, probabilmente, va ad influenzare la gravità di queste condotte. Quindi, questo studio ha provato a capire il comportamento del binge-watching a partire dall’analisi di questa serie di fattori finora conosciuti.

“Sebbene molte persone sostengano che il binge-watching sia una dipendenza innocua, i risultati del nostro studio suggeriscono che esso non dovrebbe essere più visto in questo modo”, ha detto Sung. “Il binge-watching può causare problemi di salute preoccupanti, come la stanchezza fisica e l’obesità. Quando esso, poi, diventa dominante, gli spettatori potrebbero iniziare a trascurare il lavoro e le loro relazioni con gli altri. Infatti, anche se le persone sanno che non dovrebbero, hanno difficoltà a resistere al desiderio di guardare gli episodi in modo continuativo. La nostra ricerca è un passo avanti verso l’esplorazione del binge-watching come un fenomeno mediatico e sociale”.

 

Tratto da: psypost.org

 

(Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione maratona televisione binge-watching

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni