Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Solitudine e depressione sono collegati al guardare tanta TV

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1005 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio americano mette in relazione la depressione con il fenomeno sempre più diffuso del binge watching, ovvero delle maratone di serie tv.

binge-watchingSembra innocuo: stare seduti per una notte di “maratona”, a vedere il nostro spettacolo televisivo preferito, come House of Cards. Ma perché lo facciamo e può essere realmente innocuo? Un recente studio dei ricercatori della University of Texas at Austin hanno trovato che più solo e depresso sei, più probabilità hai di “binge-watching”.

Yoon Hi Sung, Eun Yeon Kang e Wei-Na Lee hanno condotto un sondaggio su 316 persone, dai 18 ai 29 anni, su: quanto spesso vedevano la TV; quanto spesso provavano sentimenti di solitudine, depressione e deficit di autoregolazione; e, infine, quanto spesso assumevano un comportamento di binge-watching. Loro hanno trovato che più soli e depressi i partecipanti allo studio erano, più era probabile che loro si comportavano in tale modo, usando questa attività per allontanarsi dai sentimenti negativi.

I risultati hanno mostrato anche che coloro che mancavano dell’abilità di controllarsi avevano più probabilità di binge-watching. Questi spettatori erano incapaci di fermarsi nel cliccare il tasto “Avanti”, anche quando erano consapevoli che avevano altri compiti da completare.

I fattori psicologici come la solitudine, la depressione ed il deficit nell’autoregolazione sono conosciuti come indicatori importanti di un comportamento “binge” in generale. Per esempio, ci sono persone che assumono comportamenti di dipendenza per dimenticare temporaneamente la realtà, nella quale esperiscono solitudine e depressione, e la loro mancanza di autoregolazione, probabilmente, va ad influenzare la gravità di queste condotte. Quindi, questo studio ha provato a capire il comportamento del binge-watching a partire dall’analisi di questa serie di fattori finora conosciuti.

“Sebbene molte persone sostengano che il binge-watching sia una dipendenza innocua, i risultati del nostro studio suggeriscono che esso non dovrebbe essere più visto in questo modo”, ha detto Sung. “Il binge-watching può causare problemi di salute preoccupanti, come la stanchezza fisica e l’obesità. Quando esso, poi, diventa dominante, gli spettatori potrebbero iniziare a trascurare il lavoro e le loro relazioni con gli altri. Infatti, anche se le persone sanno che non dovrebbero, hanno difficoltà a resistere al desiderio di guardare gli episodi in modo continuativo. La nostra ricerca è un passo avanti verso l’esplorazione del binge-watching come un fenomeno mediatico e sociale”.

 

Tratto da: psypost.org

 

(Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione maratona televisione binge-watching

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

News Letters

0
condivisioni