Pubblicità

Solitudine e isolamento: fattori predittivi di rischio di malattie cardiache e ictus

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1088 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

solitudine 1Essere soli o isolarsi fa più male di quanto possa sembrare.

La solitudine e l'isolamento sociale sono considerate le due principali cause di mortalità e malattia nel mondo.

Già in passato la solitudine è stata correlata ad un aumento della compromissione del sistema immunitario e in ultima analisi con la morte prematura degli individui; tuttavia, i ricercatori dell’University of York, hanno cercato di comprendere come questi fattori potrebbero essere correlati a patologie cardiache e ictus.

Si tratta di uno studio osservazionale, dove sono stati approfonditi 23 ricerche condotte su oltre 181.000 adulti, di cui

  • 4628 soggetti avevano avuto nel corso della vita attacchi di cuore, sofferto di angina o morti a causa di tali patologie;
  • 3002 soggetti che avevano avuto attacchi di ictus registrati durante i periodi di monitoraggio che va da tre a 21 anni.

L’analisi della raccolta dei dati ha permesso di associare la solitudine e l’isolamento ad un aumento del 29% di infarto o angina e del 32% aumento di ictus.

Nonostante non è ancora possibile affermare con certezza che la solitudine e l’isolamento siano i fattori direttamente responsabili delle malattie, è possibile evidenziare che tali condizioni rappresentano un rischio per la salute pubblica, al pari di altri fattori di rischio come fumo e diete sbagliate.


E’ necessario, dunque, sensibilizzare la salute pubblica, come sostenuto da Julianne Holt-Lunstad e Timothy Smith della Brigham Young University, negli Usa:

medici, psicologi dovrebbero informare i propri pazienti sull’importanza delle interazioni sociali, considerate “come parte di uno stile di vita sano“.

Sarebbe opportuno, tuttavia, anche studiare come le nuove tecnologie possono aiutare gli individui a ma venire fuori dalla propria condizione: social network e chat sono infatti in grado di ampliare la rete sociale, ma anche anche di “esacerbare il rischio di solitudine.” 

 

Tratto da psypost - Prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

                                               

 

Tags: solitudine stile di vita ictus patologie cardiache rete sociale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni