Pubblicità

Sonno insufficiente nei bambini e disturbi dell’umore in età adulta

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1976 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il sonno insufficiente si ripercuote sulla salute emotiva dei bambini determinando non solo maggiori emozioni negative, ma anche alterando le esperienze emotive positive

sonno nei bambini.0Un recente studio pubblicato sulla rivista Journal Sleep Medicine Reviews ha indagato come la mancanza di sonno nei bambini, o una quantità di sonno insufficiente, determini alterazioni emotive che potrebbero predisporre tali soggetti a sviluppare depressione e disturbi d’ansia in età adulta.

Generalmente la mancanza di sonno può portare a conseguenze come irritabilità, difficoltà di concentrazione e impazienza; il presente studio si è invece concentrato sul determinare eventuali aspetti disfunzionali e insufficienti nell’infanzia, rispetto all’atto del dormire, come fattori di rischio per disturbi emotivi negli anni successivi.

I ricercatori hanno cercato di capire come i bambini valutano, esprimono, regolano e ricordano le esperienze emotive sia quando il sonno è sufficiente che quando si presenta inadeguato.

Per individuare questi schemi cognitivi, comportamentali, fisiologici ed emotivi hanno analizzato il sonno in 50 bambini con età compresa tra i 7 e gli 11 anni.

I loro risultati mostrano come un sonno insufficiente impatti sulla salute emotiva dei bambini determinando non solo maggiori emozioni negative, ma anche alterando le esperienze emotive positive.

Ad esempio, dopo solo due notti di sonno insufficiente, i bambini traggono meno piacere dalle cose positive, sono meno reattivi ed hanno meno probabilità di ricordare i dettagli delle esperienze positive vissute.

Pubblicità

Sperimentare continuamente un sonno insufficiente può portare a depressione, ansia e altri problemi emotivi. I genitori, devono quindi rivolgere maggiore attenzione a questa attività e considerarla al pari della nutrizione, igiene dentale e attività fisica.

Se infatti il bambino si sveglia spesso la notte, al mattino presto o ha sonno durante il giorno, è probabile che il loro sonno notturno sia inadeguato.

I ricercatori sottolineano che studiare il legame tra disturbi del sonno ed elaborazioni emotive disadattive durante l’infanzia è fondamentale, proprio perché durante il sonno i sistemi di regolazione emotiva si stanno sviluppando.

Il sonno inadeguato influenza processi emotivi importanti come la capacità di auto-monitoraggio, e la capacità di identificare le emozioni altrui; a loro volta questi aspetti disfunzionali possono determinare scarso controllo degli impulsi, che è una componente fondamentale in adolescenza, e creare così una “tempesta perfetta” nell’esperire emozioni negative e le rispettive conseguenze.

I loro risultati forniscono la prova che senza un sonno adeguato, le persone sono meno propense a cercare esperienze positive o gratificanti, come ad esempio le attività sociali o ricreative.

Nel corso del tempo, questi cambiamenti comportamentali possono elevare il rischio di sviluppare depressione e peggiorare la qualità della vita.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: disturbi d'ansia bambini, disturbi del sonno disturbi emotivi emozioni negative sonno insufficienti scarso controllo degli impulsi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni