Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sopravvivenza nei malati di cancro

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 417 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio evidenzia che i pazienti affetti da cancro del polmone con ansia e depressione muoiono prima.

Sopravvivenza nei malati di cancro

Secondo la nuova ricerca presso L’Università Inglese della Columbia e la BC Cancer Agency, i pazienti che soffrono di ansia e depressione dopo la diagnosi di cancro al polmone avanzato hanno più probabilità di morire prima.

Lo studio, pubblicato questo mese sul Journal of Pain and Symptom Management, è tra i primi a esaminare l'effetto di ansia e depressione sui tassi di sopravvivenza per i pazienti affetti da cancro del polmone.
I risultati si basano su ricerche precedentemente svolte che riguardavano i malati di cancro al seno, approfondendo ulteriormente la comprensione degli scienziati degli effetti dei fattori psicosociali sui tassi di sopravvivenza per i pazienti con diagnosi di cancro.

"Lo studio di come ansia e depressione influenzino la sopravvivenza nei pazienti con tumore è stato di interesse per gli scienziati per oltre decenni, ma la ricerca a lungo termine è limitata", ha detto Andrea Vodermaier, autore principale dello studio e ricercatore post-dottorato nel dipartimento di UBC di Psicologia.

"Il nostro studio conferma che per il trattamento del tumore gli operatori sanitari non solo devono tenere in considerazione la malattia ma devono anche concentrarsi sulla piena esperienza emozionale del paziente."

Per lo studio, i ricercatori hanno seguito 684 pazienti sottoposti a trattamento presso il BC Cancer Agency di Vancouver e Surrey. A tutti i pazienti è stato diagnosticato un tipo comune di cancro del polmone con un tasso di sopravvivenza che va dal 30% al 46% dopo un anno.

I pazienti hanno completato un questionario di screening psicologico riguardante i sintomi di ansia e di depressione.
Dopo il controllo per fattori quali età, sesso, etnia, tipo di tumore e del trattamento, i ricercatori hanno scoperto che coloro che hanno riportato sensazione di ansia e depressione dopo la diagnosi avevano una sopravvivenza inferiore rispetto gli altri.

Anche se la ricerca mostra un collegamento tra ansia e la depressione e il tasso di sopravvivenza nel cancro al polmone, i risultati non possono valutare se l’elevato livello di ansia o depressione causa direttamente questi risultati negativi, ha detto il Dottore Robert Olson, capo divisione di oncologia di radiazione e sviluppo radioterapeutico a UBC.

"E 'probabile che altri fattori non misurati contribuiscano all’aumento di ansia e depressione, come il mancato supporto sociale ", ha detto Olson.

"Tuttavia, il rapporto che abbiamo trovato è significativo, e certamente merita un ulteriore approfondimento per migliorare gli interventi sull'ansia e la depressione nei pazienti con cancro del polmone, migliorando così i tassi di sopravvivenza."

Una limitazione importante per lo studio è che i dati non erano disponibili visto che i pazienti hanno continuato a fumare anche dopo la diagnosi. E’ noto che una percentuale significativa di pazienti affetti da cancro del polmone continua a fumare o non riesce a smettere, e questa lotta potrebbe anche aver influenzato il loro livello di ansia o depressione, secondo i ricercatori.


I ricercatori stanno ora cercando l'effetto a lungo termine di fattori psicosociali sui tassi di sopravvivenza per i pazienti con cancro alla prostata.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: variabili influenti,

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Sorella cattiva (1525386993641…

Mary, 36     Chiedo un consiglio, come affrontare una situazione che mia sorella, anni 30, ha creato. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il termine per i...

News Letters

0
condivisioni