Pubblicità

"Stamattina ho messo le tue scarpe", a Pesaro un percorso per capire la malattia mentale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 299 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I muri e i palazzi della città marchigiana diventeranno schermi sui quali sarà proiettato un documentario che permetterà agli spettatori di conoscere i pazienti di un centro di cura e il loro rapporto con la malattia. Previsto anche un momento di confronto pubblico. L’iniziativa ha lo scopo di abbattere la diffidenza che circonda il disagio psichico.
ATTRAVERSARE per un qualche ora gli stessi corridoi, vivere le stesse stanze, toccare gli oggetti che ogni giorno sono la vita quotidiana di persone affette da malattia mentale. E trasformare una città in una grande set dove i protagonisti sono loro, gli "invisibili", persone affette da disagio psichico che spiegano a modo loro cosa vuol dire vivere e convivere con la malattia. Stamattina ho messo le tue scarpe è l'interessante esperienza che si terrà a Pesaro, dopo il successo dell'edizione 2012 ad Urbino (la manifestazione ha cadenza biennale). Ancora oggi, nonostante l’abolizione dei manicomi con la legge Basaglia del 1978, c’è poca consapevolezza della vita delle migliaia di persone affette da disturbi mentali e permane diffidenza nei confronti del disagio psichico.
Quest'iniziativa prova ad aprire una finestra su questo mondo coinvolgendo le persone che non hanno mai avuto niente a che fare (direttamente o indirettamente) con persone affette da questi disturbi. L’iniziativa, ideata da Elena Mattioli e Flavio Perazzini del collettivo LeleMarcojanni e prodotta dalla Cooperativa sociale Alpha, un'associazione di volontariato nata nel 1989 per integrare i servizi del Dipartimento di Salute Mentale sul territorio, è un’innovativa esplorazione del mondo della malattia mentale per capire e vivere in prima persona una realtà poco conosciuta.




 

Tratto da repubblica.it. Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

News Letters

0
condivisioni