Pubblicità

"Stamattina ho messo le tue scarpe", a Pesaro un percorso per capire la malattia mentale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 347 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I muri e i palazzi della città marchigiana diventeranno schermi sui quali sarà proiettato un documentario che permetterà agli spettatori di conoscere i pazienti di un centro di cura e il loro rapporto con la malattia. Previsto anche un momento di confronto pubblico. L’iniziativa ha lo scopo di abbattere la diffidenza che circonda il disagio psichico.
ATTRAVERSARE per un qualche ora gli stessi corridoi, vivere le stesse stanze, toccare gli oggetti che ogni giorno sono la vita quotidiana di persone affette da malattia mentale. E trasformare una città in una grande set dove i protagonisti sono loro, gli "invisibili", persone affette da disagio psichico che spiegano a modo loro cosa vuol dire vivere e convivere con la malattia. Stamattina ho messo le tue scarpe è l'interessante esperienza che si terrà a Pesaro, dopo il successo dell'edizione 2012 ad Urbino (la manifestazione ha cadenza biennale). Ancora oggi, nonostante l’abolizione dei manicomi con la legge Basaglia del 1978, c’è poca consapevolezza della vita delle migliaia di persone affette da disturbi mentali e permane diffidenza nei confronti del disagio psichico.
Quest'iniziativa prova ad aprire una finestra su questo mondo coinvolgendo le persone che non hanno mai avuto niente a che fare (direttamente o indirettamente) con persone affette da questi disturbi. L’iniziativa, ideata da Elena Mattioli e Flavio Perazzini del collettivo LeleMarcojanni e prodotta dalla Cooperativa sociale Alpha, un'associazione di volontariato nata nel 1989 per integrare i servizi del Dipartimento di Salute Mentale sul territorio, è un’innovativa esplorazione del mondo della malattia mentale per capire e vivere in prima persona una realtà poco conosciuta.




 

Tratto da repubblica.it. Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

News Letters

0
condivisioni