Pubblicità

"Stamattina ho messo le tue scarpe", a Pesaro un percorso per capire la malattia mentale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 312 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I muri e i palazzi della città marchigiana diventeranno schermi sui quali sarà proiettato un documentario che permetterà agli spettatori di conoscere i pazienti di un centro di cura e il loro rapporto con la malattia. Previsto anche un momento di confronto pubblico. L’iniziativa ha lo scopo di abbattere la diffidenza che circonda il disagio psichico.
ATTRAVERSARE per un qualche ora gli stessi corridoi, vivere le stesse stanze, toccare gli oggetti che ogni giorno sono la vita quotidiana di persone affette da malattia mentale. E trasformare una città in una grande set dove i protagonisti sono loro, gli "invisibili", persone affette da disagio psichico che spiegano a modo loro cosa vuol dire vivere e convivere con la malattia. Stamattina ho messo le tue scarpe è l'interessante esperienza che si terrà a Pesaro, dopo il successo dell'edizione 2012 ad Urbino (la manifestazione ha cadenza biennale). Ancora oggi, nonostante l’abolizione dei manicomi con la legge Basaglia del 1978, c’è poca consapevolezza della vita delle migliaia di persone affette da disturbi mentali e permane diffidenza nei confronti del disagio psichico.
Quest'iniziativa prova ad aprire una finestra su questo mondo coinvolgendo le persone che non hanno mai avuto niente a che fare (direttamente o indirettamente) con persone affette da questi disturbi. L’iniziativa, ideata da Elena Mattioli e Flavio Perazzini del collettivo LeleMarcojanni e prodotta dalla Cooperativa sociale Alpha, un'associazione di volontariato nata nel 1989 per integrare i servizi del Dipartimento di Salute Mentale sul territorio, è un’innovativa esplorazione del mondo della malattia mentale per capire e vivere in prima persona una realtà poco conosciuta.




 

Tratto da repubblica.it. Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

News Letters

0
condivisioni