Pubblicità

Stato depressivo in gravidanza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 444 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

depressione in gravidanzaLa durata dello stato di depressione sofferto dalle donne in gravidanza è importante per le ripercussioni che può avere sulla salute mentale dei bambini. E' stato infatti rilevato in studi recenti che le conseguenze degli stati depressivi materni sulla psiche dei bambini varia con il tempo di contatto reciproco.

Lo studio, condotto da un team di ricercatori dell'Università del Wisconsin (USA) ha rilevato l'impatto psicologico della esposizione alla depressione materna di tipo maggiore nei figli durante la loro prima infanzia e nel periodo dei primi passi fino al periodo pre-scolastico.

La dr.ssa Marilyn Essex con i suoi colleghi ha raccolto un vasto campione di donne incinte con problematiche depressive ed ha successivamente supervisionato i loro figli attraverso le rilevazioni fornite da personale specializzato: i dati riguardanti la salute psichica dei bambini, infatti, sono stati ottenuti con l'aiuto di circa 420 educatori di scuole materne, che hanno riportato i comportamenti dei bambini distinguendo poi quelli disturbati in termini di sintomatologia "internalizzata"(ansia, depressione) oppure "esternalizzata" (problemi comportamentali, aggressività, etc…). E' stato quindi valutato il periodo di maggiore esposizione del bambino alla depressione materna e la sua durata nel tempo, distinguendo tra il periodo neonatale e quello successivo della scuola materna.

Su circa 420 bambini, il 27% delle madri ha riferito di aver avuto almeno un episodio di depressione maggiore fin dal primo periodo; di queste, il 38% entro il primo anno di vita ed il 61% nel successivo periodo dei primi passi fino alla scuola materna.

I risultati hanno mostrato che i bambini esposti alla depressione materna durante il primo periodo avevano la tendenza a sviluppare circa il doppio in termini di sintomi "internalizzati" rispetto agli altri bambini; quelli che invece erano stati esposti durante il periodo successivo tendevano maggiormente a sviluppare sintomi comportamentali. Inoltre, nel primo caso si è rilevata una forte probabilità, di circa 4 volte maggiore, a sviluppare sintomi "misti" dei due tipi suddetti.

Gli autori della ricerca hanno quindi affermato che questi risultati supportano l'ipotesi che l'esposizione nella primissima infanzia rappresenti un periodo sensibile per lo sviluppo di sintomi di tipo internalizzato che si manifestano in seguito negli anni successivi; la depressione materna impedirebbe il dispiegamento di un comportamento di attaccamento sicuro nei bambini influenzando nel lungo tempo le aree di sviluppo affettivo, ma anche comportamentale e cognitivo.

La durata dell'esposizione alla depressione materna, inoltre, acuisce queste conseguenze per il bambino, per cui gli autori suggeriscono in questi casi una strategia operativa che si basi su interventi di prevenzione mirata.

 

(tratto da :" Timing of Maternal Depression May Affect Child's Mental Health " - Health Media Ltd - August, 2001)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione infanzia gravidanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

News Letters

0
condivisioni