Pubblicità

Stato depressivo in gravidanza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 424 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

depressione in gravidanzaLa durata dello stato di depressione sofferto dalle donne in gravidanza è importante per le ripercussioni che può avere sulla salute mentale dei bambini. E' stato infatti rilevato in studi recenti che le conseguenze degli stati depressivi materni sulla psiche dei bambini varia con il tempo di contatto reciproco.

Lo studio, condotto da un team di ricercatori dell'Università del Wisconsin (USA) ha rilevato l'impatto psicologico della esposizione alla depressione materna di tipo maggiore nei figli durante la loro prima infanzia e nel periodo dei primi passi fino al periodo pre-scolastico.

La dr.ssa Marilyn Essex con i suoi colleghi ha raccolto un vasto campione di donne incinte con problematiche depressive ed ha successivamente supervisionato i loro figli attraverso le rilevazioni fornite da personale specializzato: i dati riguardanti la salute psichica dei bambini, infatti, sono stati ottenuti con l'aiuto di circa 420 educatori di scuole materne, che hanno riportato i comportamenti dei bambini distinguendo poi quelli disturbati in termini di sintomatologia "internalizzata"(ansia, depressione) oppure "esternalizzata" (problemi comportamentali, aggressività, etc…). E' stato quindi valutato il periodo di maggiore esposizione del bambino alla depressione materna e la sua durata nel tempo, distinguendo tra il periodo neonatale e quello successivo della scuola materna.

Su circa 420 bambini, il 27% delle madri ha riferito di aver avuto almeno un episodio di depressione maggiore fin dal primo periodo; di queste, il 38% entro il primo anno di vita ed il 61% nel successivo periodo dei primi passi fino alla scuola materna.

I risultati hanno mostrato che i bambini esposti alla depressione materna durante il primo periodo avevano la tendenza a sviluppare circa il doppio in termini di sintomi "internalizzati" rispetto agli altri bambini; quelli che invece erano stati esposti durante il periodo successivo tendevano maggiormente a sviluppare sintomi comportamentali. Inoltre, nel primo caso si è rilevata una forte probabilità, di circa 4 volte maggiore, a sviluppare sintomi "misti" dei due tipi suddetti.

Gli autori della ricerca hanno quindi affermato che questi risultati supportano l'ipotesi che l'esposizione nella primissima infanzia rappresenti un periodo sensibile per lo sviluppo di sintomi di tipo internalizzato che si manifestano in seguito negli anni successivi; la depressione materna impedirebbe il dispiegamento di un comportamento di attaccamento sicuro nei bambini influenzando nel lungo tempo le aree di sviluppo affettivo, ma anche comportamentale e cognitivo.

La durata dell'esposizione alla depressione materna, inoltre, acuisce queste conseguenze per il bambino, per cui gli autori suggeriscono in questi casi una strategia operativa che si basi su interventi di prevenzione mirata.

 

(tratto da :" Timing of Maternal Depression May Affect Child's Mental Health " - Health Media Ltd - August, 2001)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione infanzia gravidanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni