Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Stili genitoriali e pensieri suicidari negli adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 5095 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Esiste un'effettiva correlazione tra alcuni comportamenti genitoriali e l'incremento dei pensieri suicidari negli adolescenti.

adolescenti<<Quanto spesso vi capita di dire ai vostri figli che hanno fatto un buon lavoro o che siete orgogliosi di loro? Li aiutate mai con i compiti? Siete emotivamente coinvolti con i vostri figli?>>

In uno studio del 2012 sono emersi dei risultati significativi che mostravano l’esistenza di un legame piuttosto forte tra i comportamenti adottati dai genitori ed i pensieri suicidari tra gli adolescenti; secondo quanto affermato in una presentazione data da due professori dell'Università di Cincinnati alla conferenza dell'American Public Health Association del 2017.

I professori, Keith King e Rebecca Vidourek eseguirono un'analisi dei dati di follow-up dei risultati del "National Survey on Drug Use and Health" del 2012, che forniva dati a livello nazionale e statale sull'uso di tabacco, alcool, droghe illecite e uso non medico di farmaci da prescrizione e per la salute mentale negli Stati Uniti.

Le loro scoperte hanno mostrato che i bambini di età compresa tra 12 e 17 anni, avevano probabilità più significative di contemplare, pianificare e tentare il suicidio quando nei  loro comportamenti, i genitori, non mostravano particolarmente di tenere ai propri figli o per lo meno non lo mostravano esplicitamente. "I bambini devono sapere che hanno qualcuno che gli ‘guarda le spalle’, e sfortunatamente, molti genitori non lo fanno. Questo è un grosso problema", ha affermato King.

Pubblicità

Sorprendentemente, i risultati dello studio rivelarono che il gruppo più significativamente influenzato dai comportamenti genitoriali era rappresentato da bambini di 12 e 13 anni. I bambini di quella fascia di età con genitori che mai o raramente avevano detto loro di esserne orgogliosi, avevano quasi cinque volte più probabilità di avere pensieri suicidi, quasi sette volte più probabilità di formulare un piano di suicidio e circa sette volte più probabilità di tentare il suicidio rispetto ai loro pari. Allo stesso modo, i bambini di 12 e 13 anni con genitori che raramente o mai dicevano loro di aver fatto un buon lavoro o che li aiutavano nello svolgere i compiti, risultavano avere un rischio eccessivamente alto riguardo le inclinazioni suicidarie.

"Un concetto chiave, che spesso ci si ritrova a dover spiegare ai genitori è la necessità di garantire che i bambini si sentano positivamente connessi ai loro genitori e alla loro famiglia", ha affermato Vidourek; co-direttore del Center for Prevention Science .

Il rischio riguardante i comportamenti suicidari tra gli adolescenti in età scolare, sebbene inferiore rispetto a quello riscontrato nei ragazzi di 12 e 13 anni, è significativamente ed ancora più alto di questi ultimi, quando i genitori mostrano di non essere coinvolti emotivamente con i loro figli. E’ stato infatti, riscontrato che i ragazzi di 16 e 17 anni i cui genitori raramente o mai dicevano loro di esserne orgogliosi avevano circa tre volte più probabilità di avere pensieri suicidari e quasi quattro volte più probabilità di pensare ad un piano di suicidio e di tentare il suicidio rispetto ai loro coetanei i cui genitori, invece, mostravano interesse e coinvolgimento emotivo verso i figli.

“Alcuni adolescenti riescono a far fronte ai pensieri suicidari attuando dei meccanismi di coping per far fronte alla mancanza di coinvolgimento dei genitori, purtroppo il più delle volte sono comportamenti disfunzionali e comunque controproducenti come ad esempio, la dipendenza dall’uso di farmaci o sostanze e comportamenti sessuali ad alto rischio”, ha concluso King.

 


Tratto da Psy Post

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: adolescenti figli pensieri suicidi pensieri suicidari; comportamenti genitoriali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia connessa a preparazione …

VALERIA, 35     Salve a tutti, ho 35 anni e dai tempi dell'università ho iniziato a soffrire di stati di ansia che hanno notevolmente ostacolato...

Come posso far sì che ritorni?…

light, 20     Ciao, stiamo insieme da quasi 5 anni, lui fa il militare abbiamo una relazione a distanza da 3 anni, ultimamente abbiamo vissuto e...

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Area Professionale

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

Le parole della Psicologia

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni