Pubblicità

Stili genitoriali e pensieri suicidari negli adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 9451 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

Esiste un'effettiva correlazione tra alcuni comportamenti genitoriali e l'incremento dei pensieri suicidari negli adolescenti.

adolescenti<<Quanto spesso vi capita di dire ai vostri figli che hanno fatto un buon lavoro o che siete orgogliosi di loro? Li aiutate mai con i compiti? Siete emotivamente coinvolti con i vostri figli?>>

In uno studio del 2012 sono emersi dei risultati significativi che mostravano l’esistenza di un legame piuttosto forte tra i comportamenti adottati dai genitori ed i pensieri suicidari tra gli adolescenti; secondo quanto affermato in una presentazione data da due professori dell'Università di Cincinnati alla conferenza dell'American Public Health Association del 2017.

I professori, Keith King e Rebecca Vidourek eseguirono un'analisi dei dati di follow-up dei risultati del "National Survey on Drug Use and Health" del 2012, che forniva dati a livello nazionale e statale sull'uso di tabacco, alcool, droghe illecite e uso non medico di farmaci da prescrizione e per la salute mentale negli Stati Uniti.

Le loro scoperte hanno mostrato che i bambini di età compresa tra 12 e 17 anni, avevano probabilità più significative di contemplare, pianificare e tentare il suicidio quando nei  loro comportamenti, i genitori, non mostravano particolarmente di tenere ai propri figli o per lo meno non lo mostravano esplicitamente. "I bambini devono sapere che hanno qualcuno che gli ‘guarda le spalle’, e sfortunatamente, molti genitori non lo fanno. Questo è un grosso problema", ha affermato King.

Pubblicità

Sorprendentemente, i risultati dello studio rivelarono che il gruppo più significativamente influenzato dai comportamenti genitoriali era rappresentato da bambini di 12 e 13 anni. I bambini di quella fascia di età con genitori che mai o raramente avevano detto loro di esserne orgogliosi, avevano quasi cinque volte più probabilità di avere pensieri suicidi, quasi sette volte più probabilità di formulare un piano di suicidio e circa sette volte più probabilità di tentare il suicidio rispetto ai loro pari. Allo stesso modo, i bambini di 12 e 13 anni con genitori che raramente o mai dicevano loro di aver fatto un buon lavoro o che li aiutavano nello svolgere i compiti, risultavano avere un rischio eccessivamente alto riguardo le inclinazioni suicidarie.

"Un concetto chiave, che spesso ci si ritrova a dover spiegare ai genitori è la necessità di garantire che i bambini si sentano positivamente connessi ai loro genitori e alla loro famiglia", ha affermato Vidourek; co-direttore del Center for Prevention Science .

Il rischio riguardante i comportamenti suicidari tra gli adolescenti in età scolare, sebbene inferiore rispetto a quello riscontrato nei ragazzi di 12 e 13 anni, è significativamente ed ancora più alto di questi ultimi, quando i genitori mostrano di non essere coinvolti emotivamente con i loro figli. E’ stato infatti, riscontrato che i ragazzi di 16 e 17 anni i cui genitori raramente o mai dicevano loro di esserne orgogliosi avevano circa tre volte più probabilità di avere pensieri suicidari e quasi quattro volte più probabilità di pensare ad un piano di suicidio e di tentare il suicidio rispetto ai loro coetanei i cui genitori, invece, mostravano interesse e coinvolgimento emotivo verso i figli.

“Alcuni adolescenti riescono a far fronte ai pensieri suicidari attuando dei meccanismi di coping per far fronte alla mancanza di coinvolgimento dei genitori, purtroppo il più delle volte sono comportamenti disfunzionali e comunque controproducenti come ad esempio, la dipendenza dall’uso di farmaci o sostanze e comportamenti sessuali ad alto rischio”, ha concluso King.

 


Tratto da Psy Post

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: adolescenti figli pensieri suicidi pensieri suicidari; comportamenti genitoriali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni