Pubblicità

Stimolazione cerebrale profonda mirata per il trattamento del DOC

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 721 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori hanno ulteriormente perfezionato l'uso della stimolazione cerebrale profonda nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo.

Stimolazione cerebrale profonda mirata per il trattamento del DOC

Localizzando accuratamente il posizionamento degli elettrodi nel cervello dei pazienti, i ricercatori sono stati in grado di identificare un tratto di fibra che è associato ai migliori risultati clinici a seguito della stimolazione cerebrale profonda.Le scoperte dei ricercatori, che sono state pubblicate su Nature Communications , possono essere utilizzate per migliorare il trattamento del DOC.

Una persona con disturbo ossessivo compulsivo (DOC) sperimenta pensieri e comportamenti indesiderati, l'impulso per il quale trovano difficile o impossibile resistere.

Più del 2% delle persone è affetto da pensieri ossessivi e comportamenti compulsivi che compromettono gravemente le attività quotidiane.

Un'opzione di trattamento per i casi gravi è la stimolazione cerebrale profonda, una tecnica che viene utilizzata anche in altri disturbi, come il morbo di Parkinson.

La stimolazione cerebrale profonda comporta l'impianto di piccoli elettrodi in strutture profonde all'interno del cervello.

Dopo l'impianto, questi elettrodi erogano correnti elettriche molto deboli per riequilibrare l'attività cerebrale. Stimolando diverse aree del cervello, come un tratto di fibra all'interno della capsula interna o del nucleo subtalamico, questa tecnica può aiutare a migliorare i sintomi clinici in alcuni casi.

Il successo del trattamento dipende dall'accurato posizionamento degli elettrodi e richiede una precisione a livello di millimetro. L'obiettivo di stimolazione ottimale per i pazienti con disturbi ossessivo-compulsivi non era stato precedentemente identificato.

Per la prima volta, un team di ricercatori - guidato dal Dipartimento di Neurologia con Neurologia Sperimentale del Dr. Andreas Horn del Charité - è stato in grado di identificare uno specifico fascio di nervi che sembra essere il bersaglio ottimale per la stimolazione.

I ricercatori hanno studiato 50 pazienti con DOC che hanno ricevuto cure in numerosi centri in tutto il mondo.

Utilizzando la tecnologia di risonanza magnetica sia prima che dopo il posizionamento degli elettrodi, i ricercatori sono stati in grado di visualizzare i tratti di fibra circostanti e testare per vedere quali di questi elettrodi erano selettivamente stimolanti.

"La nostra analisi mostra che i risultati ottimali sono collegati a un fascio nervoso molto specifico. Prove affidabili per questo collegamento sono state trovate nelle coorti di pazienti esaminati a Colonia, Grenoble, Londra e Madrid", spiega il dott. Horn.

I ricercatori hanno inizialmente esaminato due coorti di pazienti, entrambi le quali hanno ricevuto una stimolazione cerebrale profonda nella capsula interna o nel nucleo subtalamico.

Queste strutture cerebrali hanno una varietà di connessioni ad altre aree del cervello. Eppure, un tratto specifico situato tra la corteccia prefrontale e il nucleo subtalamico è stato identificato come un bersaglio adatto per la stimolazione in entrambi questi gruppi. Localizzazioni precise degli elettrodi hanno permesso ai ricercatori di prevedere in modo affidabile i risultati del trattamento in entrambi questi gruppi.

Questi risultati sono stati quindi replicati in due ulteriori coorti indipendenti. Nel confrontare i loro risultati con altri studi, i ricercatori hanno mostrato che anche le aree target descritte si trovavano all'interno del target del tratto identificato in questo studio.

Descrivendo il modo in cui questi risultati potrebbero aiutare con l'impianto di elettrodi, il primo autore dello studio, Ningfei Li, afferma:

"I nostri risultati non alterano l'area target originale, ci hanno semplicemente aiutato a definirla in modo più preciso. Questo significa che: finora, abbiamo dovuto guidare la nostra barca verso un'isola che era avvolta dalla nebbia. Ora possiamo distinguere l'isola stessa e forse anche il molo, così possiamo mirare con maggiore precisione. "

Tutti i dati di analisi strutturale 3D sono stati resi pubblici per i ricercatori di tutto il mondo.

Nessun paziente Charité con DOC è in trattamento con questo metodo invasivo di stimolazione cerebrale profonda.

Tuttavia, i centri di ricerca partecipanti continuano a condividere le loro conoscenze e stanno sviluppando protocolli per ulteriori studi per testare le aree target appena definite.


Reference:


Ningfei Li, Juan Carlos Baldermann, Astrid Kibleur, Svenja Treu, Harith Akram, Gavin J. B. Elias, Alexandre Boutet, Andres M. Lozano, Bassam Al-Fatly, Bryan Strange, Juan A. Barcia, Ludvic Zrinzo, Eileen Joyce, Stephan Chabardes, Veerle Visser-Vandewalle, Mircea Polosan, Jens Kuhn, Andrea A. Kühn, Andreas Horn. A unified connectomic target for deep brain stimulation in obsessive-compulsive disorder. Nature Communications, 2020; 11 (1) DOI: 10.1038/s41467-020-16734-3

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni