Pubblicità

Struttura del cervello, ansia e pregiudizio negativo negli adulti sani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1746 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli studenti sani che hanno una corteccia frontale inferiore (IFC) relativamente piccola - una regione cerebrale che aiuta a regolare i pensieri e le emozioni – hanno una maggiore probabilità di soffrire di ansia. Inoltre, tendono ad interpretare eventi neutri o anche positivi in modo negativo.

Struttura cerebrale ansia pregiudizi

Alcuni ricercatori hanno condotto uno studio che ha coinvolto 62 studenti, nel quale è stata effettuata una raccolta di dati cerebrali strutturali attraverso scansioni di neuroimaging e sono stati utilizzati questionari standard per determinare il livello di ansia e l’attitudine al pregiudizio negativo.

Precedenti studi condotti su soggetti che presentavano una diagnosi di ansia, hanno trovato correlazioni simili tra le dimensioni della corteccia frontale inferiore, l’ansia e il pregiudizio negativo.

Ma i risultati di questa nuova ricerca, riportati nella rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience, per primi, hanno individuato queste stesse dinamiche anche negli adulti sani.

Tale ricerca, ha anche scoperto che la relazione tra le dimensioni della corteccia frontale inferiore e il pregiudizio negativo di uno studente, era mediata dai livelli di ansia.

Gli individui con una corteccia frontale inferiore di dimensioni più piccole, presentano livelli più alti di ansia, invece coloro i quali presentano un volume maggiore, tendono a sperimentare livelli inferiori di ansia. L’ansia, a sua volta, è maggiormente associata al pregiudizio negativo. Inoltre, un volume maggiore della corteccia frontale inferiore sembra essere associato alla resilienza.

E’ stato scoperto che il maggiore volume della corteccia frontale inferiore, può costituirsi come un fattore di protezione dal pregiudizio negativo attraverso livelli inferiori di ansia di tratto.

Pubblicità

Secondo l'American College Health Association, l'ansia è dilagante nei campus universitari, dove quasi il 60% degli studenti segnalano almeno un episodio di ansia ogni anno. Questo influisce sulle loro performances accademiche.

L'ansia, infatti, può interferire con molte dimensioni della vita, causando nella persona stati di elevata allerta per potenziali problemi anche nelle migliori condizioni. Il pregiudizio negativo può anche interferire con l'impegno di una persona verso attività che potrebbero migliorare i loro obiettivi di vita.

Comprendere l'interrelazione tra la struttura cerebrale, le funzioni e le caratteristiche di personalità e l'ansia e i suoi effetti comportamentali così come il pregiudizio negativo è un passo fondamentale per permettere ai ricercatori di sviluppare interventi che mirano a specifiche regioni del cervello nelle popolazioni sane. In questo modo, si potrebbe impedire ad alcuni individui particolarmente a rischio di sviluppare un’ansia grave.

 

Tratto da: sciencedaily

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: ansia pregiudizi

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell’a...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni