Pubblicità

Studiare l'altruismo attraverso la realtà virtuale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 590 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un gruppo di ricercatori della “Scuola internazionale superiore di studi avanzati” (SISSA) di Trieste, in collaborazione con l'Università di Udine, ha sviluppato un ambiente computerizzato con l'obiettivo di studiare le origini neurobiologiche dell’altruismo.

studiare laltruismo attraverso la realtà virtuale

Come sostiene Giorgia Silani, principale ricercatrice di questo progetto, i nostri impulsi pro – sociali ricoprono un ruolo fondamentale nella complessa struttura sociale, ma condurre uno studio sull’altruismo in laboratorio pone gli studiosi di fronte a nuove sfide etiche: infatti, riprodurre situazioni minacciose realistiche e studiare il comportamento del partecipante è difficile, se non impossibile.


Per superare tali difficoltà, i ricercatori hanno creato un contesto virtuale molto ricco: i partecipanti sono stati immersi in un ambiente virtuale che riproduceva un edificio in fiamme, dal quale dovevano scappare e decidere se salvare la vita o interrompere la loro fuga e aiutare a salvare una persona ferita.

L’ambiente virtuale era caratterizzato da segnali audio-visivi intensi che hanno contribuito ad aumentare il realismo sperimentale della situazione, da un lato, e la sensazione di ansia e pericolo dall'altro. Una volta terminato il compito, i partecipanti sono stati sottoposti a una scansione MRI per ottenere informazioni sulla struttura del cervello; in questo modo è stato possibile mettere in relazione i loro comportamenti con l'anatomia di aree specifiche del sistema nervoso.

I risultati hanno evidenziato che la maggior parte delle persone ha effettuato una  scelta altruistica : il 65% si è fermato a soccorrere il ferito, nonostante la minaccia al sé (virtuale). Inoltre, i dati del questionario hanno rivelato che le persone che hanno aiutato l'uomo intrappolato presentavano punteggi più alti di preoccupazione empatica. Così, la volontà di un individuo di aiutare gli altri nel bisogno, piuttosto che se stessi, sembra essere guidata da una motivazione a prendersi cura dell’altro.

Per quanto riguarda la struttura del cervello, i ricercatori hanno potuto notare come gli individui che avevano effettuato una scelta altruistica presentassero un’insula (la struttura connessa all'elaborazione delle nostre emozioni sociali), di dimensioni maggiori rispetto ai non altruisti.

 

 

 

Tratto da: sciencedaily    

               

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: video games videogiochi altruismo,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni