Pubblicità

Studio sulla personalità borderline

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 638 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuovi studi per quanto riguarda il disturbo borderline di personalità sono stati condotti recentemente da un team di ricerca del Mount Sinai School of Medicine e del Bronx Veterans Affairs Medical Center di New York guidato dal dr. Harold Koenigsberg. Lo studio ha analizzato diverse dimensioni relative ad altrettante aree problematiche della personalità borderline approfondendo l’aspetto patologico centrale della instabilità affettiva e dei cambiamenti dell’umore che si verificano solitamente in questa patologia. Il disturbo borderline di personalità rappresenta una patologia psichica di relativamente recente definizione, essendo stato maggiormente studiato e approfondito nei suoi aspetti psicodinamici soprattutto negli ultimi decenni; esso è caratterizzato soprattutto dalla presenza di difese patologiche contro vissuti abbandonici e frequenti passaggi all’atto sotto la spinta di una pulsionalità difficilmente gestibile, che può assumere spesso connotati aggressivi e mettere a serio rischio il soggetto stesso (comportamenti devianti, tossicomanie, etc..).

Nello studio in questione sono stati rilevati elevati punteggi tra i soggetti con diagnosi di personalità borderline soprattutto in alcune aree cliniche, quali quelle relative all’ansia, alla depressione ed ai sentimenti di rabbia e frustrazione che accompagnano il vissuto abituale dei soggetti in questa condizione. Come risulta da tale ricerca sono questi aspetti infatti ad essere maggiormente in evidenza ed a presentare una grande variabilità di manifestazione nella patologia borderline, mentre non è stata confermata in questo caso un’altra ipotesi di partenza dello studio, cioè il fatto che i soggetti con personalità borderline provino una maggiore intensità del vissuto affettivo in termini di esperienza soggettiva.

Tratto da:” Affective Instability in Borderline Personality Disorder” - Health Media Ltd – May 02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni