Pubblicità

Svolta alle elementari: la calcolatrice non è più proibita

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 304 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La prima regola che impara un bambino alle elementari è che i conticini si fanno a mano. Così si allena la mente e si comprende il processo che porta al risultato delle operazioni. La seconda è che la calcolatrice, quello strumento che ottiene il calcolo esatto annullando la fatica, è bandita, almeno fino alla quinta. E i docenti più tradizionalisti storcono il naso anche se la vedono maneggiare dagli alunni delle medie.

Ora uno studio sgretola questo tabù didattico: la calcolatrice è utile, istruttiva e addirittura capace di migliorare le prestazioni dei ragazzi più bravi. Autrice della ricerca, che ha scatenato e scatenerà opposte fazioni di maestri, è Bethany Rittle-Johnson, psicologa del Vanderbilt’s Peabody College of Education in Tennessee. I più piccoli - sostiene la psicologa - devono imparare a fare i calcoli da soli, ma dopo questa breve fase iniziale usare i calcolatori è utile. Il motivo è semplice: imparare fin da bambini ad avere confidenza con la «tecnologia» è importante.

Tratto da "lastampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni