Pubblicità

Teatroterapia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 289 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Teatroterapia, un termine che può anche far nascere equivoci, favorire ambiguità, spaventare. Forse è un termine troppo specifico, o forse troppo generico, è quindi necessario usarlo con parsimonia, con attenzione. Abbiamo spesso sentito dire che il teatro è di per se terapeutico, e credo che ciò possa essere vero, se consideriamo non solo il prodotto finale ovvero la rappresentazione, ma tutto il percorso e il suo senso.

Partiamo dalla definizione aristotelica della tragedia. Aristotele nella Poetica dice che il fine della tragedia è la catarsi e che gli spettatori identificandosi negli attori che recitano vicende terribili, si purificano da quei sentimenti che anche loro provano e alla fine dello spettacolo possono ritornare alle loro normali occupazioni di cittadini rispettosi delle leggi.
Questa visione pone un problema –la Catarsi- che, interpretata in questa maniera, diviene solo un allentamento delle tensioni, quasi una forma di semplice rilassamento, che ha comunque un valore positivo, ma rischia di far pensare al teatro come ad uno spettacolo di puro divertimento o comunque con una funzione "anestetica".

Tratto da "Teatrortica.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni