Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Teenager vittime di stalking

on . Postato in News di psicologia

Un’analisi delle conseguenze dello stalking nell’età dell’adolescenza rivela tendenze preoccupanti.

teenager e stalkingLo stalking è un problema di salute pubblica ampiamente riconosciuto, ma poche informazioni sono disponibili sui comportamenti di stalking dove le vittime sono adolescenti.

Gli anni dell'adolescenza sono un periodo di formazione durante il quale si stabiliscono dei confini e si delineano le linee guida di un comportamento emotivo e sessuale accettabile.

Un nuovo studio esposto nell’American Journal of Preventive Medicine ha esaminato 1.236 giovani scelti a caso e ha scoperto che il 14% delle ragazze e il 13% dei ragazzi sono state vittime di stalking.

Inoltre, i risultati del sondaggio hanno indicato che questi ragazzi sono più propensi a riferire di sintomi legati alla depressione, così come di comportamenti a rischio come i festini alcolici e appuntamenti sessuali.

Usando l'analisi del profilo latente, gli investigatori sono stati in grado di radunare i dati dell'indagine e di suddividere i gruppi di ragazzi in tre classi principali: una classe non vittima, una classe di esposizione minima, e una classe vittima.

La dimensione della classe era abbastanza coerente: il 50% delle ragazze e il 53% dei ragazzi rientravano nella classe non-vittima, il 36% delle ragazze e il 34% dei ragazzi hanno subito un’esposizione minima, e, infine, il 14% delle ragazze e il 13% dei ragazzi che compongono la classe di vittima.

L'indagine ha posto ai ragazzi domande specifiche circa le azioni degli altri. Ammettendo in generale che lo stalking si basa su un modello di comportamento indesiderato e ripetuto, i ricercatori hanno utilizzato un elenco di 19 indicatori di stalking e raccolto i dati circa la frequenza con cui ciascuno di essi si è verificato. Gli adolescenti sono stati poi separati in tre classi in base alla frequenza di esposizione.

"Poco si sa in realtà sul prezzo da pagare e sulle potenziali conseguenze della vittimizzazione da stalking nello sviluppo degli adolescenti", ha detto il ricercatore Dennis E. Reidy, PhD, Division of Violence Prevention, Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta, GA.

"Identificare come queste diverse tattiche di stalking si manifestano in diverse combinazioni è fondamentale perché diversi profili di stalking, probabilmente, conferiscono gradi e forme di rischio diversi. Per esempio, una vittima in primo luogo può sperimentare sorveglianza / monitoraggio da parte di uno stalker e perciò subire meno conseguenze fisiche, sociali, psicologici rispetto ad una vittima di uno stalker che mostra una maggiore diversità attraverso un comportamento più invasivo (agguato) ".

Una volta che gli investigatori hanno identificato le tre classi diverse, hanno condotto ulteriori analisi per accertare i fattori di salute mentale e comportamentali associati con l'essere una vittima di stalking.

Insieme con il monitoraggio degli indicatori di stalking, il sondaggio ha anche chiesto ai ragazzi i sintomi psichiatrici (disturbi dell'umore, stress post-traumatico, sentimenti di disperazione), i comportamenti sessuali (numero di partner, frequenza di appuntamenti sessuali, sesso orale), e l’uso di sostanze.

I dati hanno rivelato che gli adolescenti nella classe vittima, sono stati più propensi a riferire dei sintomi dell’umore e di comportamenti a rischio rispetto ai loro coetanei nelle classi di esposizione minima o nella classe dei non vittima.

"Una tendenza generale è emersa allo stesso modo sia nelle ragazze che nei ragazzi", ha spiegato il dottor Reidy.

"Gli adolescenti nella classe vittima hanno riferito di più sintomi psichiatrici durante il mese passato e una maggiore frequenza di incontri fisici di violenza, oltre all'uso di alcol nel corso dei 12 mesi precedenti.

Inoltre, le ragazze della classe vittima, hanno riferito una maggiore prevalenza di uso di marijuana e più appuntamenti sessuali di sesso orale durante lo scorso anno ".

Mentre tali risultati risultano fastidiosi per molti adolescenti, questo nuovo studio dimostra che una percentuale considerevole di giovani ha praticato ripetutamente un comportamento deleterio.

La vittimizzazione da stalking durante gli anni dell'adolescenza che sono quelli più formativi può lasciare dei duraturi marcatori mentali e comportamentali. Identificare i soggetti più a rischio e la creazione di obiettivi di intervento in questo gruppo più vulnerabile ci consentirà di prevenire i disturbi dell'umore, i comportamenti sessuali a rischio e la violenza.

"I dati suggeriscono che una parte consistente di adolescenti sono vittime di stalking e sono ugualmente a rischio per una serie di risultati di salute deleteri. Come tale, questo merita ulteriore attenzione da parte dei ricercatori sulla prevenzione e dei professionisti ", ha concluso il dottor Reidy.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: prevenzione teenager, linee guida di comportamento, sviluppo compromesso, sintomi psichiatrici, comportamenti sessuali,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sentimenti (1500386971181)

Soraya16, 39       Salve, due mesi fa ho lasciato la mia compagna, con la quale abbiamo una bimba di 14 mesi. La ho lasciata perché non mi...

Amore non corrisposto (1500292…

BlackMoon92, 25       Salve, Un mese fa sono uscita con un ragazzo con la quale ci sentivamo da 3 mesi via chat, 24h su 24, un feeling paz...

Non ce la faccio piu vorrei sc…

  Tiziana, 20     Ho 20 anni e mi sento in una grave depressione dovuta alla mia famiglia e al mio ragazzo che sta con me da ormai 3 anni...

Area Professionale

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters