Pubblicità

TELEFONITE E SMS MANIA

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 432 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 Se fino a poco tempo fa era considerato un bene di lusso, un oggetto per pochi, da custodire gelosamente e da usare solo nei casi di necessità, oggi il cellulare è un comunissimo accessorio, che possiedono e usano tutti. Se da una parte c’è ancora qualcuno che riesce a farne a meno, dall’altra c’è invece chi non se ne separa mai e ne fa un uso inopportuno. Talmente smodato che gli psicologi lanciano l’allarme “telefonite” e “sms mania”.
La prima è l’urgenza di essere sempre al passo con le nuove proposte del mercato tecnologico e l’incapacità di resistere al fascino degli ultimissimi modelli: alcuni telefonini sono dotati di oltre 70 suonerie modificabili ed inviabili, altri hanno cover intercambiabili, altri ancora hanno sistemi che facilitano la scrittura e permettono di scattare fotografie, mandare e ricevere fax, registrare i suoni, navigare in Internet e ricevere e inviare messaggi di posta elettronica. Tante funzioni, qualche volta utili, ma spesso non proprio indispensabili, che:

  1. -         rispondono soltanto a un bisogno di affermazione sociale, tipico dei ragazzi
  2. -         possono scatenare forme inconsapevoli di dipendenza.

Accanto alla mania da cellulare ipertecnologico vi è un altro fenomeno diffuso soprattutto tra gli adolescenti: la SMS mania. L’acronimo sta per Short Message Service e riguarda il servizio di brevi messaggi di testo, che si possono inviare e ricevere attraverso il proprio cellulare. I ragazzi dicono che con i messaggi SMS è possibile:

  1. -         comunicare in tempo reale,
  2. -         spendere poco,
  3. -         socializzare,
  4. -         vincere la solitudine.

Gli esperti però sono d’accordo nel sostenere che questo modo di comunicare è superficiale, frenetico e talvolta irrequieto sul piano psicologico.

 

Tratto da: "centropsiche.it" - Presegui nella Lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni