Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Terapia della luce e depressione

on . Postato in News di psicologia | Letto 742 volte

Da un recente studio è emerso che l’esposizione quotidiana ad una luce bianca molto luminosa a mezzogiorno riduce significativamente i sintomi della depressione e migliora il funzionamento delle persone con disturbo bipolare.

depressioneRicerche precedenti avevano messo in evidenza come la terapia della luce riducesse i sintomi depressivi nei pazienti affetti da Disturbo Affettivo Stagionale (SAD)

Tuttavia, per quanto riguarda i pazienti con Disturbo Bipolare si era visto come questo tipo di terapia potesse condurre a effetti collaterali, quali la mania o sintomi misti (depressivi e maniacali).

Il presente studio ha cercato di rimediare al problema.

Attraverso questa ricerca, è stato proposto un nuovo intervento terapeutico basato sull’esposizione alla luce a mezzogiorno, con l’intento di ridurre gli effetti collaterali che erano stati riscontrati precedentemente e di alleviare i sintomi depressivi nelle persone bipolari.

I partecipanti allo studio esposti ad una luce molto luminosa, rispetto a coloro che erano stati esposti ad una luce fioca (placebo), nell’orario compreso fra le 9.00 e le 14.30, per un periodo di sei settimane, mostravano un tasso di remissione significativamente più alta (sintomi depressivi molti ridotti e un ritorno alla normale vita di tutti i giorni).

Più del 68% dei pazienti, che aveva ricevuto la luce luminosa a mezzogiorno, aveva raggiunto un umore nella norma, rispetto al 22.2% di coloro che aveva ricevuto il placebo (ovvero la luce fioca).

Il gruppo che era stato sottoposto alla terapia con luce luminosa aveva ottenuto un punteggio medio alla scala della depressione di 9.2, rispetto al punteggio di 14.9 del gruppo “placebo”, ed aveva raggiunto una funzionalità significativamente più alta. Ciò è stato dimostrato dal fatto che questi pazienti tornavano a lavoro o riuscivano a completare le faccende domestiche, ancor prima di aver concluso il trattamento.  

Lo studio è stato pubblicato il 3 ottobre sulla rivista American Journal of Psychiatry.

Pubblicità

La Dottoressa Dorothy Sit, autrice principale dello studio e professoressa associata della Northwestern University Feinberg School of Medicine, ha sottolineato come questa tipologia di trattamento costituisca una nuova possibilità di terapia, che si è mostrata essere piuttosto efficace nel giro di 4-6 settimane, nei pazienti con Disturbo Bipolare.

Questi soggetti, infatti, avevano manifestato effetti collaterali minimi a seguito della terapia. Nessuno di essi, inoltre, aveva esperito mania o ipomania (ossia una condizione che include euforia, irritabilità, agitazione, eloquio fluente, pensieri ricorrenti, scarsa attenzione e comportamenti a rischio).

La Terapia della Luce ha, dunque, permesso di ridurre significativamente/evitare gli effetti collaterali che erano stati riscontrati con l’utilizzo di altri trattamenti ed aveva condotto ad una risposta stabile e positiva nei pazienti.

Il campione partecipante allo studio era composto da 46 soggetti che soffrivano o di depressione di gravità moderata o di disturbo bipolare e da coloro che avevano invece un umore stabile.  

I pazienti erano stati suddivisi casualmente: alcuni di essi erano stati esposti ad una luminosità di 7,000 lux, mentre gli altri a 50 lux.

I soggetti dovevano porre vicino al loro volto una scatola luminosa, inizialmente per 15 minuti. L’esposizione alla luce, nel corso delle settimane, veniva di volta in volta prolungata, fino a raggiungere un massimo di 60 minuti. Ciò ha portato al verificarsi di un significativo cambiamento del loro umore, che migliorava gradualmente.

La Terapia della Luce è stata convenzionalmente testata utilizzando l’intensità della luce al mattino, in quanto ricerche precedenti avevano suggerito che quest’ultima aiuta a ripristinare i ritmi circadiani e può essere utile nel trattamento della SAD.

Per quanto riguarda invece il disturbo bipolare, non è ancora chiaro il maccanismo di risposta.

I ricercatori, dunque, ritengono necessari ulteriori studi a riguardo. 

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: disturbo bipolare sintomi depressivi news di psicologia terapia della luce; luce;

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters