Pubblicità

The big sleep: Science is waking up to the curious story of narcolepsy

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1196 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Perhaps because we all need sleep, we have an enduring interest in tales of people who sleep continuously or cannot stay awake – popular characters such as Sleeping Beauty and Rip Van Winkle are just two examples.

Sad man by Clayton Scott

Totally somnolent characters in films, such as Rat Race (2001), Moulin Rouge! (2001) or Deuce Bigalow: Male Gigolo (1999) all highlight our fascination – and amusement – with such sleepy individuals. But funny as they may seem, the sad fact is that these characters are all almost certainly based on the medical condition known as narcolepsy.

Narcolepsy is characterised by a constant, irrepressible need for sleep. The disorder affects about one in 3,000 people, mostly starting in teenage years.

It was first named by a French physician, Jean-Baptiste-Édouard Gélineau, from the Greek terms for “stupor” and “seizures”. Gélineau also observed cataplexy, which is the hallmark of classic narcolepsy.

Cataplexy entails loss of muscle activity in the face or body – resulting in sagging of the head to full body collapse to the ground – triggered by strong emotional responses, such as laughter. One of Gélineau’s patients reported collapsing to the ground at the Paris Zoo watching monkeys making faces.

tratto da psypost.org - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni