Pubblicità

The big sleep: Science is waking up to the curious story of narcolepsy

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 618 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Perhaps because we all need sleep, we have an enduring interest in tales of people who sleep continuously or cannot stay awake – popular characters such as Sleeping Beauty and Rip Van Winkle are just two examples.

Sad man by Clayton Scott

Totally somnolent characters in films, such as Rat Race (2001), Moulin Rouge! (2001) or Deuce Bigalow: Male Gigolo (1999) all highlight our fascination – and amusement – with such sleepy individuals. But funny as they may seem, the sad fact is that these characters are all almost certainly based on the medical condition known as narcolepsy.

Narcolepsy is characterised by a constant, irrepressible need for sleep. The disorder affects about one in 3,000 people, mostly starting in teenage years.

It was first named by a French physician, Jean-Baptiste-Édouard Gélineau, from the Greek terms for “stupor” and “seizures”. Gélineau also observed cataplexy, which is the hallmark of classic narcolepsy.

Cataplexy entails loss of muscle activity in the face or body – resulting in sagging of the head to full body collapse to the ground – triggered by strong emotional responses, such as laughter. One of Gélineau’s patients reported collapsing to the ground at the Paris Zoo watching monkeys making faces.

tratto da psypost.org - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni