Pubblicità

Ti senti offesa? Ecco sette modi per reagire con filosofia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 369 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Spesso capita di sentirsi ferite di fronte a una critica o a un'azione negativa nei nostri confronti. Ma la psicoterapeuta tedesca Bärbel Wardetzki in un suo saggio ci dice che restare offesi non è una reazione inevitabile, svelandoci anche sette modi per reagire agli affronti con filosofia e senza risentimenti.


Restare offesi e feriti di fronte a un’azione negativa o a una critica nei nostri confronti? Non è una reazione inevitabile, anzi. Provare sentimenti di umiliazione, rancore, indignazione, collera e disperazione davanti a un’offesa non è affatto scontato né automatico, al contrario deriva da una decisione che spetta solo a noi. Lo sostiene, nell’utile e illuminante saggio Pronto soccorso per l’anima offesa (Urra editore), la psicoterapeuta tedesca Bärbel Wardetzki, secondo cui “la scelta tra offendersi e trovare una soluzione costruttiva” dipende solo da noi. E non si tratta di una scelta immune da conseguenze, perché la soddisfazione “di annientare l’avversario, di vederlo al tappeto o di mortificarlo almeno quanto lui ha mortificato noi non risolve il problema di fondo né guarisce le ferite”; né ci libera “dallo shock, dal senso di impotenza, dal dolore del disprezzo, dell’umiliazione e della svalorizzazione di cui siamo stati vittime”.


Tratto da:repubblica.it - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni