Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Timidezza e ruoli sociali

on . Postato in News di psicologia

Uno studio condotto nel regno unito rileva che la timidezza varia a seconda dei ruoli sociali raggiunti.

timidezza e ruoli sociali

La ricerca pubblicata sul Journal of Personality suggerisce che la timidezza non è una caratteristica fissa, ma qualcosa che varia nel tempo in base ai ruoli sociali di una persona.

Lo studio, basato su dati provenienti da più di 550.000 adulti nel Regno Unito, ha scoperto che la timidezza è stata associata con il sesso, occupazione, e il rapporto con diverse variabili socio-demografiche.

Nel complesso, le donne tendevano ad essere più timide rispetto agli uomini in età adulta. Ma le donne e gli uomini anno un approccio diverso di timidezza nel corso del tempo. Gli uomini tendevano ad essere più timidi quando erano più giovani, ma meno timidi col crescere dell’età. I livelli di timidezza tra le donne, invece, sono stati più stabili.

Lo studio ha anche scoperto che le persone che hanno sempre lavorato hanno avuto i più bassi livelli di timidezza, mentre le persone che erano disoccupate o hanno lavorato in casa avevano più alti livelli di timidezza. Le persone che lavorano nelle vendite hanno riportato i più bassi livelli di timidezza, mentre coloro che lavoravano in posti di lavoro non qualificati tendevano a segnalare un livello più alto di timidezza.

PsyPost ha intervistato l’autore dello studio, Nejra Van Zalk dell'Università di Greenwich. Leggi di seguito le sue risposte:

PsyPost: Perché eri interessato a questo argomento?

Zalk: L'argomento è stato di interesse per me fin dall'inizio dei miei studi post-laurea. Quando cominciai la mia tesi di dottorato, che era concentrata sulla timidezza (o ansia sociale) come tratto umano (piuttosto che uno stato), notai che nella stragrande maggioranza degli studi che stavo leggendo, la timidezza come era raffigurata come un problema, un problema da affrontare.

Anche se può risultare banale, molte persone nel mondo occidentale (e al giorno d'oggi anche in altre parti del mondo e, come indicato dalla ricerca in crescita), semplicemente non vogliono essere timide. Con la pubblicazione della mia tesi ho ricevuto numerose e-mail da genitori che mi chiedono consigli su cosa "fare" circa la timidezza del loro bambino.

Storicamente parlando, tuttavia, questo non è sempre stato così, una volta la timidezza era vista come una caratteristica desiderabile (in particolare per le donne). Queste tendenze nella letteratura mi hanno portato a mettere in discussione la stabilità dei tratti umani in generale, e mi sono chiesto spesso come certi ambienti o eventi significativi nella vita potrebbero influenzare la timidezza - per "migliorare" o "peggiorare".

Abbiamo ottenuto l'accesso a un grande insieme di dati raccolti dalla BBC nel Regno Unito (dove più di 550.000 soggetti di età compresa tra 17-70 anni di età hanno fornito dati su questo studio in particolare), e siamo stati in grado di esplorare se i tassi di timidezza variassero tra i diversi ruoli sociali, come il lavoro nelle professioni non qualificate (in cui le persone avevano più alti livelli di timidezza) rispetto al lavoro nelle vendite (con più bassi livelli di timidezza).

Inoltre le persone coinvolte in relazioni sentimentali hanno anche livelli più bassi di timidezza, rispetto a coloro che sono single. Poiché i dati sono della sezione trasversale non siamo stati in grado di affrontare il problema dei cambiamenti nel corso del tempo, ma i dati evidenziano una tendenza importante: che la gente cambia la propria timidezza adattandosi al loro ambiente, o scelgono il loro ambiente in base alla loro timidezza (come una professione, per esempio).

Quale dovrebbe essere la persona media da togliere al vostro studio?

Il messaggio che emerge da questo studio, credo, è che i tratti di timidezza sono malleabili - cioè, essi sono soggetti a modifiche. Il modo in cui "sono" non è necessariamente scritto nella pietra, e la gente potrebbe utilizzare queste informazioni a loro vantaggio.

Ad esempio, se ci si vuole sentire meno timidi, una cosa da fare sarebbe quella di sottoporre se stessi a sfide sociali e fare cose che non si farebbero di solito. Per molti aspetti, questo suona come il senso comune, ma tale tesi ora è sostenuta da dati.

Questo studio non è il primo a esaminare le variazioni di tratti umani, ma è certamente (per quanto ne sappiamo) il primo a guardare variazioni della timidezza in base ai ruoli sociali su così larga scala.

Ci sono importanti avvertimenti? Quali domande devono ancora essere affrontate?

L'avvertimento principale dello studio è il fatto che i dati sono trasversali. Avere dati longitudinali avrebbe permesso di testare gli effetti bidirezionali tra gli effetti dei ruoli sociali sulla timidezza, e gli effetti della timidezza nei ruoli sociali a loro volta. Questa è una domanda che attende ancora di essere testata, ed è molto importante se vogliamo capire di più su questi processi.

Lo studio, "Può la Timidezza variare a seconda ruoli sociali raggiunti? Le tendenze per età in un ampio campione britannico ", a cui hanno collaborato anche anche Michael E. Lamb e Peter Jason.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: timidezza ruoli sociali, status sociale,

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Stress e psoriasi (14975571212…

Tamby, 41                 Ho mia figlia di 10 anni che da 3 e mezzo soffre di psoriasi, lei è una bambina all...

Problemi con la mia ragazza e …

Sabrina, 16                   Salve, sono una ragazza di 16 anni, impegnata da quasi un anno e mezzo i...

Signor (1497211992990)

bruno, 76             Ogni giorno mi sento depresso e sempre triste nella mia vita ho pero tutti mia madre e mia nonna gl...

Area Professionale

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters