Pubblicità

Timidi o estroversi? Le dimensioni del cervelletto lo rivelano

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 319 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Timidi o estroversi? A determinarlo sono le dimensioni del cervelletto. E' stata infatti finalmente investigata la relazione tra grandezza del cervelletto ed approccio comportamentale alle novità.Da sempre sappiamo che vi sono persone che si approcciano a situazioni nuove con timore, dimostrandosi timide e prudenti nei confronti di chi o di ciò che non conoscono, mentre altri individui si mostrano immediatamente entusiasti rispetto a ciò che di non ancora noto si prospetta per il loro futuro ed estroverse nei confronti di persone appena conosciute.

Nelle persone timide il cervelletto avrebbe dimensioni ridotte, mentre negli estroversi esso sarebbe particolarmente sviluppato. Fino a questo momento si riteneva che il cervelletto svolgesse un ruolo primario unicamente dal punto di vista del movimento, mentre ora i ricercatori sarebbero riusciti a dimostrare come le sue dimensioni possano essere strettamente correlate al nostro approccio alla vita.

Tratto da: "wellme.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni