Pubblicità

Topi sociali, topi empatici

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 604 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La capacità di condividere lo stato doloroso dei compagni è stato osservato solo in un ceppo di animali geneticamente selezionati per avere un comportamente sociale molto sviluppato La capacità di provare empatia per i propri consimili è parzialmente determinata dai geni: è quanto ha stabilito una nuova ricerca della University del Wisconsin-Madison e dell'Oregon Health and Science University (OHSU) pubblicata sula rivista ad accesso libero PLoS ONE.

Nello studio è stato studiato un ceppo di topi dal comportamento sociale molto sviluppato condizionati ad associare a un suono proveniente in una specifica gabbia l’aspettativa di qualcosa di negativo, semplicemente per aver udito un topo che nella stessa gabbia produceva un verso di dolore. Un ceppo di topi geneticamente differente con minori attitudini sociali, viceversa, non è riuscito a stabilire alcuna connessione tra i segnali e il disagio dell'altro topo, suggerendo come la capacità di identificare le emozioni altrui abbia una base almeno in parte genetica.

Tratto da " Le Scienze" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni