Pubblicità

Topi sociali, topi empatici

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 546 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La capacità di condividere lo stato doloroso dei compagni è stato osservato solo in un ceppo di animali geneticamente selezionati per avere un comportamente sociale molto sviluppato La capacità di provare empatia per i propri consimili è parzialmente determinata dai geni: è quanto ha stabilito una nuova ricerca della University del Wisconsin-Madison e dell'Oregon Health and Science University (OHSU) pubblicata sula rivista ad accesso libero PLoS ONE.

Nello studio è stato studiato un ceppo di topi dal comportamento sociale molto sviluppato condizionati ad associare a un suono proveniente in una specifica gabbia l’aspettativa di qualcosa di negativo, semplicemente per aver udito un topo che nella stessa gabbia produceva un verso di dolore. Un ceppo di topi geneticamente differente con minori attitudini sociali, viceversa, non è riuscito a stabilire alcuna connessione tra i segnali e il disagio dell'altro topo, suggerendo come la capacità di identificare le emozioni altrui abbia una base almeno in parte genetica.

Tratto da " Le Scienze" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni