Pubblicità

Trasferirti in una nuova città o paese ti renderebbe più felice?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 243 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una nuova ricerca esamina gli effetti geografici sulla felicità delle persone.

Trasferirti in una nuova città o paese ti renderebbe più felice

Un dibattito di lunga data nel campo della psicologia è stato se il trasferimento in una nuova posizione rende le persone più felici. Una scuola di pensiero dice di sì. In effetti, potrebbe essere esattamente il tipo di "nuovo inizio" di cui le persone hanno bisogno per ricalibrare la loro felicità. Un altro suggerisce che mentre una mossa potrebbe fornirci un temporaneo miglioramento dell'umore, è più comune che la nostra felicità ritorni al suo livello di base, pre-movimento.

Una nuova analisi fornita nel World Happiness Report di quest'anno aggiunge uno studio a questo dibattito instabile.

Gli autori del rapporto, guidati da un team di ricercatori del Center for Sustainable Development della Columbia University, hanno condotto un'analisi risalente al 2018 in cui hanno confrontato i livelli di felicità tra le persone originarie di un determinato paese rispetto agli immigrati / stranieri.

L'idea era di valutare se i livelli di felicità dei non nativi corrispondessero più strettamente a quello del loro paese d'origine o del loro paese di adozione.

È interessante notare che hanno scoperto che le persone che si trasferiscono in un nuovo paese perdono il livello di felicità del loro vecchio paese e adottano il livello del loro nuovo paese: "Abbiamo diviso le risposte tra le popolazioni locali e quelle nate all'estero in ogni paese e abbiamo trovato essenzialmente lo stesso per i due gruppi, sebbene con qualche effetto di impronta dopo la migrazione e una certa tendenza per i migranti a trasferirsi in paesi più felici, così che tra i 20 paesi più felici in quel rapporto, la felicità media per i nati localmente era di circa 0,2 punti più alta che per i nati all'estero. "

Pubblicità

In altre parole, trasferirti in un paese più felice potrebbe plausibilmente renderti più felice. Allo stesso modo, trasferirsi in un paese meno felice potrebbe ridurre il tuo livello di felicità.

E non c'è nulla che suggerisca che lo stesso modello di risultati non si applichi anche alle città. (Parlando di città, i ricercatori hanno scoperto che Helsinki, Finlandia; Aarhus, Danimarca; e Wellington, Nuova Zelanda, sono le città più felici del mondo, e Washington, Dallas e Houston sono le tre città più felici degli Stati Uniti.)

Tre altri approfondimenti meritano di essere rilevati dal rapporto:

 1. Il divario tra i paesi più felici e quelli meno felici è enorme.

Per misurare la felicità in tutto il mondo, gli scienziati hanno utilizzato la seguente domanda: “Immagina una scala, con gradini numerati da 0 a 10. La parte superiore della scala rappresenta la migliore vita possibile per te e la parte inferiore della scala rappresenta la peggiore vita possibile per te. Su quale gradino della scala diresti che ti senti personalmente in questo momento? "

Il divario tra i paesi più felici e quelli meno felici è enorme.

I primi 10 paesi più felici (Finlandia, Danimarca, Svizzera, Islanda, Norvegia, Paesi Bassi, Svezia, Nuova Zelanda, Austria e Lussemburgo) hanno ottenuto una media di 7,5 alla domanda sulla soddisfazione di vita sopra.

Gli ultimi 10 (Afghanistan, Sud Sudan, Zimbabwe, Ruanda, Repubblica Centrafricana, Tanzania, Botswana, Yemen, Malawi e India) hanno una media di 3,3.

Chiunque abbia esperienza con scale psicologiche attesterà l'entità di questa differenza. Una differenza di uno o due punti sarebbe impressionante qui. Il fatto che ci sia una differenza di quattro punti tra i paesi in alto e in basso è semplicemente sbalorditivo.

2. I paesi più piccoli stanno diventando più felici; paesi più grandi non lo sono.

In pratica, ci sono due modi per quantificare la felicità mondiale. Uno è quello di pesare la felicità di ogni paese sulla proporzione della popolazione mondiale che rappresenta. Un altro è trattare ogni paese come uguale a tutti gli altri.

Considerala come le versioni della Camera e del Senato dell'equazione della felicità.

Quando si confrontano queste due prospettive nel tempo, i dati proporzionati mostrano una diminuzione della felicità mondiale dal 2014 al 2019, mentre i dati non proporzionati mostrano un aumento modesto.

Ciò significa una cosa: i livelli di felicità stanno migliorando nei paesi più piccoli e peggiorando in quelli più grandi. E anche quando si rimuovono i cinque paesi più grandi (Cina, India, Stati Uniti, Indonesia e Brasile) dall'analisi per evitare possibili effetti anomali, la tendenza rimane.

Pubblicità

3. Gli abitanti di città sono più felici della gente di campagna, o almeno lo erano prima del coronavirus.

Ripensa a un tempo prima che le città fossero devastate dal Covid-19: gli abitanti delle città erano più felici della gente di campagna? La risposta è un sonoro sì.

Gli scienziati hanno calcolato che la media della felicità per la popolazione urbana mondiale fosse 5,48, rispetto a 5,07 per la popolazione rurale mondiale. Le differenze sono state maggiori in Asia orientale e Africa subsahariana, seguite da Asia meridionale, Europa meridionale, America Latina e Caraibi.

Solo 13 dei 150 paesi esaminati hanno mostrato la tendenza opposta.

Quali hanno mostrato la più grande inversione di tendenza?

Libano, Islanda, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Regno Unito ed Egitto. Quindi, se sei un tipo rurale e stai pensando di trasferirti, forse uno di quei paesi dovrebbe essere nella tua lista.

 

References

 

Helliwell, John F., Richard Layard, Jeffrey Sachs, and Jan-Emmanuel De Neve, eds. 2020. World Happiness Report 2020. New York: Sustainable Development Solutions Network

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consulenza-info [1617960082929…

  Sarah, 19 anni   Salve, le scrivo per dirle che in questi momenti mi sento molto sola. Vorrei andare avanti nel mio percorso di vita ma ho t...

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni