Pubblicità

Tratti di personalità e comportamenti a rischio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3657 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

I tratti di personalità che predispongono i bambini a comportamenti a rischio nella scuola superiore (quali ad esempio l’assunzione di alcool e il fumare) possono già essere evidenti nella scuola elementare.

comportamenti a rischio (tratti di personalità)

Sebbene vi siano diversi fattori che portano gli adolescenti a cominciare a fumare e a consumare alcool, i ricercatori concordano nel ritenere che alcuni ragazzi abbiano tratti di personalità che li predispongono a questi comportamenti.

Per comprendere meglio come questi tratti si manifestino già in età scolare, gli studiosi hanno osservato 1.897 bambini in 23 scuole pubbliche del Kentucky, per un periodo di quattro anni, concentrandosi maggiormente su tre specifici tratti di personalità legati all’impulsività e alla tendenza ad agire senza pianificare il futuro.

Il primo tratto che è stato osservato è stata l’urgenza, la quale fa riferimento al modo in cui le persone agiscono quando vivono emozioni forti. Le persone che presentano maggiormente questo tratto di personalità sono le più inclini a comportarsi in maniera sconsiderata e incontrollata in risposta a emozioni positive o negative.

Il secondo tratto è stata la ricerca di sensazioni. In questo caso, le persone che esibiscono maggiormente questo tratto vanno loro stesse alla ricerca di esperienze nuove, eccitanti e stimolanti.

L’ultimo tratto indagato è stato la coscienziosità. Le persone meno coscienziose tendono ad essere meno disciplinate, responsabili e organizzate

Pubblicità

Da questi studi è emerso che quei bambini che, in quinta elementare, hanno ottenuto punteggi più elevati nei tratti “urgenza” e “ricerca di sensazioni” e al contempo punteggi più bassi rispetto alla “coscienziosità”, avevano più probabilità di cominciare a fumare e a bere alcool quando cominciavano la scuola superiore. E tutto questo indipendentemente dal genere e dalla provenienza dei bambini.

Naturalmente, questi risultati non indicano che tutti i bambini che esibiscono questi tratti cominceranno sicuramente a bere e a fumare nel periodo dell’adolescenza, bensì essi mettono in evidenza un maggiore probabilità di sviluppare questo tipo di comportamenti a rischio in quei bambini che mostrano accentuatamente questi tratti di personalità.

I ricercatori ritengono comunque che questa scoperta possa aiutare gli psicologi a sviluppare degli interventi mirati ad una considerevole riduzione della propensione a bere e a fumare in età adolescenziale.

 

Tratto da PsychCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: personalità alcool comportamenti a rischio tratti di personalità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni