Pubblicità

Trauma infantile e scarso controllo degli impulsi in età adulta

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4642 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Abuso emotivo, abuso sessuale e abbandono influenzano il funzionamento esecutivo del cervello

trauma e cervelloUna nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Psychiatry Research, suggerisce che le “cicatrici” legate all’abuso infantile e all’abbandono influenzano il cervello per i decenni a venire, determinando in età adulta una minore capacità di elaborare e di agire sulle informazioni in maniera rapida e precisa.

La capacità di pensare rapidamente è fondamentale per situazioni quotidiane come guidare o reagire in situazioni di emergenza.

Tale abilità sembra essere meno sviluppata e più impulsiva negli adulti che hanno subito un trauma fisico, emotivo o sessuale nei primi anni di vita.

L’obiettivo dello studio è stato quello di valutare se le persone con disturbo bipolare fornivano risposte più impulsive e imprecise su un compito rapido rispetto a soggetti sani; per fare questo hanno utilizzato il Test Go – No Go per valutare la capacità di inibire una risposta motoria automatica.

Tra le oltre 320 persone che hanno partecipato allo studio, 134 ha riferito di aver avuto una storia di traumi infantili riguardanti l’abuso fisico, la trascuratezza, abuso emotivo e abuso sessuale.

Dall’analisi dei risultati è emerso che i soggetti con disturbo bipolare e una storia di traumi infantili risulta significativamente peggiore nel test “Go-No Go”, rispetto a quelli con il solo disturbo bipolare.

I ricercatori sottolineano l’importanza di approfondire tale aspetto, in quanto è emerso che una storia di trauma infantile può avere un impatto significativo sullo sviluppo di questo aspetto chiave del funzionamento esecutivo, attraverso cui riusciamo ad auto-monitorarci e a orientare il nostro comportamento verso un obiettivo.

Questi risultati sottolineano pertanto l’importanza di un trattamento come quello cognitivo-comportamentale per ripristinare correttamente il “deficit attentivo”, attraverso l’utilizzo di tecniche che potrebbero aiutare le persone a costruire strategie di problem solving più efficaci per fronteggiare determinate situazioni, così come per migliorare le loro capacità analitiche.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbo bipolare risposta automatica trauma infantile controllo degli impulsi funzionamento esecutivo test go-no go inibizione trattamento cognitivo-comportamentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni