Pubblicità

Troppo computer? Occhio all’esaurimento da 'tecnostress'

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 322 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ritmi frenetici, molto lavoro e una buona dose di computer. Pochi ingredienti ed è subito tecnostress. Ansia, fatica mentale, perdita della concentrazione e insonnia sono i sintomi principali di questo disturbo teorizzato per la prima volta negli Stati Uniti e studiato in Italia dal giornalista Enzo Di Frenna.

Ebbene secondo l’indagine "Le professioni più tecnostressanti", condotta da Netdipendenza onlus (associazione no profit fondata da Di Frenna) in collaborazione con Assoexpo, Wireless e Pierre Communication, chi svolge un lavoro che lo tiene al videoterminale per troppe ore rischia di compromettere la propria salute.

Tutti concordi i medici interpellati sulla ricerca: il tecnostress provoca ipertensione e può avere effetti sul cuore.

"Computer, tv e telefonini non ci lasciano mai e ci mettono in uno stato di attesa continua – spiega il professor Luigi Chiariello, ordinario di cardiochirurgia dell’Università Tor Vergata di Roma – questo però genera ansia. E più lo stress cresce più aumentano i rischi che corre l’organismo, in particolare arterie e sistema cardiocircolatorio".

Trascorrere più di tredici ore al computer può favorire il tecnostress. La ricerca condotta da Di Frenna ha analizzato un campione di 200 professionisti impegnati in lavori legati alle nuove tecnologie.

 

Tratto da "kwsalute.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni