Pubblicità

Troppo computer? Occhio all’esaurimento da 'tecnostress'

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 550 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ritmi frenetici, molto lavoro e una buona dose di computer. Pochi ingredienti ed è subito tecnostress. Ansia, fatica mentale, perdita della concentrazione e insonnia sono i sintomi principali di questo disturbo teorizzato per la prima volta negli Stati Uniti e studiato in Italia dal giornalista Enzo Di Frenna.

Ebbene secondo l’indagine "Le professioni più tecnostressanti", condotta da Netdipendenza onlus (associazione no profit fondata da Di Frenna) in collaborazione con Assoexpo, Wireless e Pierre Communication, chi svolge un lavoro che lo tiene al videoterminale per troppe ore rischia di compromettere la propria salute.

Tutti concordi i medici interpellati sulla ricerca: il tecnostress provoca ipertensione e può avere effetti sul cuore.

"Computer, tv e telefonini non ci lasciano mai e ci mettono in uno stato di attesa continua – spiega il professor Luigi Chiariello, ordinario di cardiochirurgia dell’Università Tor Vergata di Roma – questo però genera ansia. E più lo stress cresce più aumentano i rischi che corre l’organismo, in particolare arterie e sistema cardiocircolatorio".

Trascorrere più di tredici ore al computer può favorire il tecnostress. La ricerca condotta da Di Frenna ha analizzato un campione di 200 professionisti impegnati in lavori legati alle nuove tecnologie.

 

Tratto da "kwsalute.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni