Pubblicità

Trovata la pillola che fa dimenticare i brutti ricordi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 474 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Se è vero che i sentimenti sono fatti in primo luogo di memoria, allora potremmo presto avere a disposizione, in farmacia, il più moderno elisir di lunga vita che l'uomo mai sia riuscito ad avere: la pillola dell’amnesia selettiva, quella che permette di dimenticare i ricordi brutti. Un esperimento in tal senso, i cui risultati sono stati pubblicati negli Stati Uniti dal Journal of Psychiatric Research, è stato portato a termine con successo da due equipe di neuroscienziati delle prestigiose università di Harvard, a Boston, e McGill, a Montreal.

I ricercatori hanno somministrato con successo una particolare sostanza a un gruppo selezionato di pazienti, tutti alle prese con profondi problemi psicologici dovuti a incidenti o a traumi gravi, e il ricordo di quegli incidenti si è via via affievolito in loro fino a scomparire. La sostanza in questione è il propranolo, che reagisce in termini biochimici con il cervello umano. Se un paziente alle prese con un brutto ricordo la assume al momento giusto, il propranolo riesce a bloccare le reazioni biochimiche che quel ricordo sta provocando, annullandone così gli effetti depressivi. In altre parole, viene smorzata la componente emotiva di un brutto ricordo.

Tratto da "Il tempo.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famili...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni