Pubblicità

Trovato il collegamento cerebrale tra depressione e insonnia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1324 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio può aiutare a far luce sul perché così tante persone con depressione soffrono di insonnia.

insonnia depressioneRicercatori dell' Università di Warwick (Regno Unito) e della Fudan University (Cina) hanno scoperto una forte connessione tra le aree del cervello associate alla memoria a breve termine, il senso di sé e le emozioni negative nelle persone depresse

Questa associazione può indurre chi soffre a soffermarsi su cattivi pensieri e potenzialmente a compromettere la qualità del sonno.

Pubblicità

"La relazione tra depressione e sonno è stata osservata per più di 100 anni, e ora abbiamo identificato per la prima volta i meccanismi neurali e come sono collegati", ha detto il professor Jianfeng Feng del Dipartimento di Informatica dell'Università di Warwick.

Lo studio apre la possibilità di nuovi trattamenti mirati e può portare a una migliore qualità del sonno per le persone con depressione.

La depressione e i problemi del sonno vanno spesso di pari passo. Circa il 75% dei pazienti depressi segnala livelli significativi di disturbi del sonno, come difficoltà ad addormentarsi e breve durata del sonno (insonnia). Le persone con insonnia hanno anche un rischio maggiore di sviluppare depressione e ansia rispetto a quelli con normali livelli di sonno.

Per lo studio, il team di ricerca ha analizzato i dati di circa 10.000 persone per indagare i meccanismi neurali alla base del legame tra depressione e qualità del sonno.

Nel cervello di chi soffre di depressione, i ricercatori hanno scoperto una forte connessione tra la corteccia prefrontale dorsolaterale (associata alla memoria a breve termine), il precuneo (associato al sé) e la corteccia orbitofrontale laterale (associata all'emozione negativa).

I ricercatori concludono che l'aumento della connettività funzionale tra queste regioni cerebrali fornisce una base neurale per il modo in cui la depressione è correlata alla scarsa qualità del sonno.

"Questa importante convalida incrociata con partecipanti dagli Stati Uniti fornisce supporto per la teoria che la corteccia orbitofrontale laterale è un'area chiave del cervello che potrebbe essere mirata nella ricerca di trattamenti per la depressione", ha affermato il professor Edmund Rolls del Dipartimento di Informatica di Warwick.

Feng ha osservato che i risultati potrebbero avere importanti implicazioni per la salute pubblica, poiché sia ​​i problemi del sonno che la depressione hanno un impatto su un gran numero di persone.

"Nel mondo di oggi, l'insonnia e la privazione del sonno sono diventati un problema comune che colpisce più di un terzo della popolazione mondiale a causa di orari di lavoro più lunghi, attività notturne eccessive e maggiore dipendenza dall'elettronica", ha affermato Feng. "Il disturbo dell'insonnia è diventato il secondo disturbo mentale più diffuso."

"E il disturbo depressivo maggiore è anche classificato dall' Organizzazione Mondiale della Sanità come la causa principale degli anni di vita vissuti con disabilità. Secondo una statistica recente, colpisce circa 216 milioni di persone (il 3% della popolazione mondiale). Quindi quasi tutti nel mondo sono legati a questi due problemi, come malato o come parente di un malato. "

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione insonnia cervello news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni