Pubblicità

Trovato un nuovo target per il trattamento dell'alcolismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 522 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca condotta dall' Oregon Health & Science University, ha identificato un gene che potrebbe diventare un nuovo obiettivo per lo sviluppo di medicinali per la prevenzione e per il trattamento dell'alcolismo.

Alcolismo

I ricercatori all' Oregon National Primate Research Center dell'OHSU hanno scoperto un gene, che ha una più bassa espressione nel cervello di primati non umani, che hanno consumato volontariamente grandi quantità di alcol rispetto a quelli che ne bevevano di meno.

Più avanti, il team di ricerca ha svelato un legame tra l'alcol e il modo in cui vengono modulati i livelli di attività di questo particolare gene. I ricercatori hanno scoperto che quando aumentavano il livello della proteina codificata dai geni nei topi, riduceva il consumo di alcol di quasi il 50%. Lo studio è stato pubblicato nella rivista online Neuropsychopharmacology.

Lo studio ha modificato i livelli della proteina codificata da un gene singolo, il GPR39, che è un recettore legante lo zinco precedentemente associato con la depressione.

 

Pubblicità

 

Il tasso della prevalenza per quanto riguarda la co-occorrenza tra umore e abuso di alcol è alto; individui con disturbo da abuso di alcol presentano una maggior probabilità di avere una depressione maggiore rispetto a quelli che non abusano di alcol. Usando una sostanza disponibile in commercio che imita l'attività della proteina GPR39, i ricercatori hanno scoperto che il targeting di questo gene riduce drasticamente il consumo di alcol nei topi.

"Lo studio evidenzia l'impotanza dell'utilizzo di approcci interspecie per identificare e testare farmaci per il trattamento per il disturbo da abuso di alcol" ha spiegato l'autrice della ricerca Rita Cervera-Juanes, Ph.D., professoressa assistente di ricerca nel dipartimento di Neuroscienze e Genetica presso l'ONPRC.

Per determinare se lo stesso meccanismo ha anche effetti sulle persone, questa squadra di ricercatori sta ora esaminando campioni di tessuto postmortem dal cervello di persone che hanno sofferto di alcolismo. Attualmente, sono pochi i trattamenti per l'alcolismo approvati dalla Food and Drug Administration. Dal test dell'effetto della sostanza nella riduzone del consumo di etanolo nei topi, in aggiunta alla scoperta del legame con i sintomi depressivi, le ricerche potrebbero indicare la strada verso lo sviluppo di un farmaco che possa sia prevenire che trattare l'alcolismo cronico e i disturbi dell'umore negli individui.

Come dichiarato da Cervera-Juanes "Stiamo trovando nuovi target, per i quali ci sono farmaci già disponibili e potrebbero essere utilizzati anche per curare altri disturbi. Per quanto riguarda l'alcolismo, questo è una gran cosa perché attualmente ci sono solo pochi farmaci approvati dalla FDA".

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: alcolismo gene news di psicologia abuso di alcol

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni