Pubblicità

Trovato un nuovo target per il trattamento dell'alcolismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 447 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca condotta dall' Oregon Health & Science University, ha identificato un gene che potrebbe diventare un nuovo obiettivo per lo sviluppo di medicinali per la prevenzione e per il trattamento dell'alcolismo.

Alcolismo

I ricercatori all' Oregon National Primate Research Center dell'OHSU hanno scoperto un gene, che ha una più bassa espressione nel cervello di primati non umani, che hanno consumato volontariamente grandi quantità di alcol rispetto a quelli che ne bevevano di meno.

Più avanti, il team di ricerca ha svelato un legame tra l'alcol e il modo in cui vengono modulati i livelli di attività di questo particolare gene. I ricercatori hanno scoperto che quando aumentavano il livello della proteina codificata dai geni nei topi, riduceva il consumo di alcol di quasi il 50%. Lo studio è stato pubblicato nella rivista online Neuropsychopharmacology.

Lo studio ha modificato i livelli della proteina codificata da un gene singolo, il GPR39, che è un recettore legante lo zinco precedentemente associato con la depressione.

 

Pubblicità

 

Il tasso della prevalenza per quanto riguarda la co-occorrenza tra umore e abuso di alcol è alto; individui con disturbo da abuso di alcol presentano una maggior probabilità di avere una depressione maggiore rispetto a quelli che non abusano di alcol. Usando una sostanza disponibile in commercio che imita l'attività della proteina GPR39, i ricercatori hanno scoperto che il targeting di questo gene riduce drasticamente il consumo di alcol nei topi.

"Lo studio evidenzia l'impotanza dell'utilizzo di approcci interspecie per identificare e testare farmaci per il trattamento per il disturbo da abuso di alcol" ha spiegato l'autrice della ricerca Rita Cervera-Juanes, Ph.D., professoressa assistente di ricerca nel dipartimento di Neuroscienze e Genetica presso l'ONPRC.

Per determinare se lo stesso meccanismo ha anche effetti sulle persone, questa squadra di ricercatori sta ora esaminando campioni di tessuto postmortem dal cervello di persone che hanno sofferto di alcolismo. Attualmente, sono pochi i trattamenti per l'alcolismo approvati dalla Food and Drug Administration. Dal test dell'effetto della sostanza nella riduzone del consumo di etanolo nei topi, in aggiunta alla scoperta del legame con i sintomi depressivi, le ricerche potrebbero indicare la strada verso lo sviluppo di un farmaco che possa sia prevenire che trattare l'alcolismo cronico e i disturbi dell'umore negli individui.

Come dichiarato da Cervera-Juanes "Stiamo trovando nuovi target, per i quali ci sono farmaci già disponibili e potrebbero essere utilizzati anche per curare altri disturbi. Per quanto riguarda l'alcolismo, questo è una gran cosa perché attualmente ci sono solo pochi farmaci approvati dalla FDA".

 

 

Tratto da Science Daily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: alcolismo gene news di psicologia abuso di alcol

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

News Letters

0
condivisioni