Pubblicità

UN NUOVO APPROCCIO AD ALCUNI DISTURBI MENTALI

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 392 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alcuni dei più comuni disturbi mentali, tra cui depressione, ansia e DPTS, potrebbero non essere affatto disturbi, secondo un recente articolo degli antropologi biologici della Washington State University.

UN NUOVO APPROCCIO AD ALCUNI DISTURBI MENTALI

Nell'articolo i ricercatori propongono un nuovo approccio alla malattia mentale che sarebbe stato informato dall'evoluzione umana, rilevando che la psicologia moderna, e in particolare il suo uso di  farmaci come gli antidepressivi, ha ampiamente fallito nel ridurre prevalenza di disturbi mentali.

Ad esempio, la prevalenza globale del disturbo depressivo maggiore e dei disturbi d'ansia è rimasta stabile rispettivamente al 4,4% e al 4% dal 1990 al 2010.

Gli autori teorizzano anche che la depressione, l'ansia e il disturbo post traumatico da stress possono essere principalmente le risposte alle avversità; pertanto, solo il trattamento del "dolore psichico" di questi problemi con i farmaci non risolverà il problema di fondo.

Kristen Syme, la prima autrice dell'articolo e il recentemente laureata Ph.D. della WSU, l’ha paragonato al trattamento di un osso rotto senza riposizionare l'osso stesso.

"Il dolore non è la malattia; il dolore è la funzione che ti dice che c'è un problema", ha detto Syme. "La depressione, l'ansia e il DPTS spesso implicano una minaccia o un'esposizione alla violenza, che sono fonti prevedibili per queste cose che chiamiamo malattie mentali. Invece, assomigliano più a fenomeni socioculturali, quindi la soluzione non è necessariamente quella di riparare una disfunzione nel cervello della persona ma risolvendo disfunzioni nel mondo sociale ".

Syme e il coautore Edward Hagen sostengono che gli antropologi biologici entrino nello studio delle "malattie della mente" per aiutare a trovare soluzioni efficaci, in particolare per alcuni problemi che possono essere sociali anziché mentali.
"La ricerca sulla salute mentale è ancora fortemente bloccata in una visione che risale al 19 ° secolo e rianimò nel 1980, classificando ogni cosa in base ai sintomi nella speranza di rivelare schemi sottostanti che porterebbero a soluzioni, ma in realtà non lo è", ha dichiarato Hagen, professore di antropologia evoluzionistica della WSU e corrispondente autore del documento.

Pubblicità

"Anche se stiamo utilizzando nuove misurazioni, come genetica, biomarcatori e imaging, queste non si sono ancora sommate alle intuizioni necessarie per migliorare davvero la vita delle persone."

Tra le questioni più problematiche, i ricercatori sottolineano la teoria della "squilibrio chimico" della depressione, che ha contribuito a creare un boom dei farmaci antidepressivi destinato a modulare alcune sostanze chimiche nel cervello chiamate neurotrasmettitori.

Un'ampia metanalisi degli studi sugli antidepressivi nel 2018 ha scoperto che gli antidepressivi avevano quasi lo stesso effetto di un placebo e il loro uso diffuso non ha prodotto risultati misurabili. Ad esempio, nella sola Australia, l'uso di antidepressivi è aumentato del 352% dal 1990 al 2002, ma non è stata osservata alcuna riduzione della prevalenza di disturbi dell'umore, dell'ansia o dell'uso di sostanze in nessun paese.

Invece di affrontare i problemi mentali con i loro sintomi, Hagen e Syme propongono di affrontare la malattia mentale con le loro probabili cause. Riconoscono che alcuni disturbi psichiatrici come la schizofrenia sono probabilmente genetici e spesso ereditati e altri come l'Alzheimer sembrano collegati all'invecchiamento.

Tuttavia, gli antropologi sostengono che alcune condizioni potrebbero essere una discrepanza tra ambienti moderni e ancestrali come il disturbo da deficit di attenzione / iperattività, noto anche come ADHD. Hagen ha sottolineato che c'è poco nella nostra storia evolutiva che spiega tranquillamente i bambini seduti ai banchi mentre guardano un insegnante fare equazioni matematiche su una lavagna.

Altri disturbi come depressione, ansia e DPTS non sono ereditari, si verificano a qualsiasi età e sono spesso legati a esperienze minacciose. Hagen e Syme propongono che possano essere risposte alle avversità e fungere da segnali, proprio come fa il dolore fisico, per rendere le persone consapevoli della necessità di aiuto.

Queste condizioni colpiscono anche in modo sproporzionato le persone nei paesi in via di sviluppo. Ad esempio, 1 persona su 5 nei paesi colpiti da conflitti soffre di depressione contro 1 su 14 in tutto il mondo.

"Come antropologi, dovremmo studiare questo molto di più perché il carico di salute mentale nelle popolazioni che studiamo spesso è piuttosto elevato", ha detto Hagen. "In molti casi, soffrono di guerre dilaganti, conflitti e inadeguata sorveglianza."

Reference:

Kristen L. Syme, Edward H. Hagen. Mental health is biological health: Why tackling “diseases of the mind” is an imperative for biological anthropology in the 21st century. American Journal of Physical Anthropology, 2019; 171 (S70): 87 DOI: 10.1002/ajpa.23965

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: psicologia antropologia disturbi mentali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Possibile depressione [1601127…

Mmonic, 17 anni     {loadposition pub3}     dott.ssa Eleonora Mercadante   Pubblicato in data 03/06/2020   ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Area Professionale

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Eating Disorder Voice: la voce…

Un nuovo studio, condotta da Matthew Pugh, Psicologo clinico presso il Vincent Square Eating Disorder Service di Londra, esplora l'associazione tra la presenza ...

Le parole della Psicologia

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni