Pubblicità

Un passo avanti nelle neuroscienze. Paura e ansia condividono le stesse basi nel cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 768 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I risultati di questa trasformazione concettuale potrebbero alla fine portare a modelli migliori delle emozioni e interventi più efficaci per l'ansia e la depressione

Un passo avanti nelle neuroscienze. Paura e ansia condividono le stesse basi nel cervello

Un recente rapporto fornisce nuove prove che la paura e l'ansia riflettono circuiti cerebrali sovrapposti. I risultati sono in contrasto con i resoconti scientifici popolari, evidenziando la necessità di una grande resa dei conti teorica.


L'ansia, la famiglia più comune di malattie mentali negli Stati Uniti, è stata spinta a nuovi livelli epici dalla pandemia COVID-19, con i Centers for Disease Control and Prevention che stimano che quasi 1 adulto su 3  e un incredibile 41% delle persone di età compresa tra 18-29 anni negli Stati Uniti hanno sperimentato sintomi di ansia clinicamente significativi alla fine di agosto.

Ora, i risultati di un recente studio condotto da UMD indicano che alcune riflessioni a lungo accettate sulle neuroscienze di base dell'ansia sono sbagliate.

Il rapporto di un team internazionale di ricercatori guidato da Alexander Shackman, professore associato di psicologia all'UMD, e Juyoen Hur, assistente professore di psicologia presso l'Università Yonsei di Seoul, Corea del Sud, fornisce nuove prove che paura e ansia riflettono circuiti cerebrali sovrapposti .

I risultati sono in contrasto con i resoconti scientifici popolari, evidenziando la necessità di una grande resa dei conti teorica. Lo studio è stato pubblicato la scorsa settimana sul Journal of Neuroscience.

"La distinzione concettuale tra 'paura' e 'ansia' risale al tempo di Freud, se non dei filosofi greci dell'antichità", ha detto Shackman, un membro della facoltà principale del Programma di neuroscienze e scienze cognitive dell'UMD e destinatario di un seme nel 2018 borsa di studio dalla Brain and Behaviour Initiative dell'UMD, "Negli ultimi anni, i brain imaging e i medici hanno esteso questa distinzione, sostenendo che la paura e l'ansia sono orchestrate da reti neurali distinte".

Tuttavia, Shackman afferma che il loro nuovo studio si aggiunge a un corpo in rapida crescita di nuove prove che suggeriscono che questa vecchia modalità è sbagliata.

"Semmai, la paura e l'ansia sembrano essere costruite nel cervello utilizzando un insieme massicciamente sovrapposto di blocchi neurali", ha detto.

La teoria scientifica prevalente sostiene che la paura e l'ansia sono distinte, con diversi trigger e circuiti cerebrali strettamente separati. Si pensa che la paura, una reazione fugace a un certo pericolo, sia controllata dall'amigdala, una piccola regione a forma di mandorla sepolta sotto le circonvoluzioni rugose della corteccia cerebrale.

Al contrario, si ritiene che l'ansia - uno stato persistente di maggiore apprensione e eccitazione suscitata quando la minaccia è incerta - sia orchestrata dal vicino nucleo del letto della stria terminalis (BNST).

Ma nuove prove di Shackman e dei suoi colleghi suggeriscono che entrambe queste regioni del cervello sono ugualmente sensibili ad entrambe i tipi di minacce, certe e incerte.

Sfruttando le tecniche di neuroimaging all'avanguardia disponibili presso il Maryland Neuroimaging Center, il loro team di ricerca ha utilizzato la risonanza magnetica per quantificare l'attività neurale mentre i partecipanti prevedevano di ricevere uno shock doloroso associato a un'immagine e ad un suono sgradevoli - un nuovo compito che i ricercatori hanno soprannominato il "Maryland Threat Countdown . "

Pubblicità

La tempistica di questa "minaccia" era segnalata da un timer sulla base di un conto alla rovescia convenzionale - ad es. "3, 2, 1 ..." - o da una stringa casuale di numeri - ad es. "16, 21, 8."

In entrambe le condizioni, l'anticipazione della minaccia ha reclutato una rete notevolmente simile di regioni del cervello, tra cui l'amigdala e il BNST. In una serie di confronti testa a testa, i due hanno mostrato risposte statisticamente indistinguibili.

Il team ha esaminato i circuiti neurali impegnati in attesa di una minaccia certa e incerta (ad esempio "paura" e "ansia"). I risultati hanno dimostrato che entrambi i tipi di anticipazione della minaccia hanno reclutato una rete comune di regioni cerebrali centrali, tra cui l'amigdala e il BNST.

Queste osservazioni sollevano importanti domande sul framework dei criteri di ricerca del dominio (RDoC) che attualmente guida la ricerca dell'Istituto Nazionale di Salute Mentale degli Stati Uniti per scoprire i circuiti cerebrali alla base dei disturbi d'ansia, della depressione e di altre malattie mentali comuni.

"Come è attualmente scritto, RDoC incarna l'idea che una minaccia certa o incerta venga elaborata da circuiti centrati rispettivamente sull'amigdala e sul BNST. È un pensiero molto bianco e nero", ha osservato Shackman, sottolineando che la "rigorosa segregazione" del modello RDoC si basa sui dati raccolti all'inizio del secolo.

"È ora di aggiornare l'RDoC in modo che rifletta lo stato attuale della scienza. Non è solo il nostro studio; infatti, tutta una serie di studi meccanicistici su roditori e scimmie e nuove meta-analisi della letteratura sull'imaging umana pubblicata sono tutti riuniti attorno alla stessa lezione scientifica fondamentale: minacce certe e incerte vengono elaborate da una rete condivisa di regioni del cervello, un nucleo comune ", ha detto.

"I disturbi d'ansia impongono un onere sostanziale e crescente alla salute pubblica globale e all'economia", ha detto Shackman, "Sebbene abbiamo compiuto enormi progressi scientifici, i trattamenti esistenti sono tutt'altro che curativi per molti pazienti. La nostra speranza è che una ricerca come questo studio possa aiutare porre le basi per modelli migliori di emozioni e, in definitiva, accelerare lo sviluppo di strategie di intervento più efficaci per i molti milioni di bambini e adulti in tutto il mondo che lottano con ansia e depressione debilitanti ".
 

 

Reference:

  1. Juyoen Hur, Jason F. Smith, Kathryn A. DeYoung, Allegra S. Anderson, Jinyi Kuang, Hyung Cho Kim, Rachael M. Tillman, Manuel Kuhn, Andrew S. Fox, Alexander J. Shackman. Anxiety and the Neurobiology of Temporally Uncertain Threat Anticipation. The Journal of Neuroscience, 2020; 40 (41): 7949 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.0704-20.2020

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia paura cervello neuroscienze

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

News Letters

0
condivisioni