Pubblicità

«Una Barbie calva per le bambine malate di cancro»

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 514 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nei suoi quasi 53 anni di vita è stata un'astronauta, una pilota di macchine da corsa, una dottoressa. Una sirena, una principessa, persino Cleopatra. Ora c'è chi vorrebbe che Barbie cambiasse ancora e diventasse calva, come se si fosse sottoposta a un ciclo di chemioterapia. Una bambola in cui tante bambine che passano da un ospedale all'altro possano identificarsi.

 

 

L'idea è venuta a due donne americane, Rebecca Sypin e Jane Bingham. Rebecca ha una figlia di 12 anni, Kin Inich, che ha perso i capelli combattendo contro la leucemia. Jane si è sottoposta a chemioterapia per curare un linfoma. Le due donne, che vivono su coste opposte degli Stati Uniti ma sono amiche, hanno creato poco prima di Natale una pagina Facebook: «Beautiful and Bald barbie! Let's see if we can get it made» («Barbie bella e calva! Vediamo se riusciamo a farcela») che ora conta più di 80 mila fan.

 

 

Tratto da: "vanityfair.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni