Pubblicità

Una cura per il Parkinson potrebbe arrivare dalle erbe

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 720 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un mix di erbe cinesi che comprende un estratto di radici, un po’ di corteccia e soprattutto la pianta conosciuta in loco con il nome di Gou Teng (Ramulus Uncariae cum Uncis) pare possa essere utile nel trattamento della malattia di Parkinson.
Il Gou Teng, già utilizzato nella cura delle patologie del fegato e per i problemi di gas intestinali, è stato testato dai ricercatori della Hong Kong Baptist University su 115 pazienti affetti da Parkinson.

 

Ai volontari è stato fatto assumere un mix di erbe officinali cinesi, oppure un placebo, per un periodo di 13 settimane, a partire dall’inizio del 2011.
Al termine del periodo di trial, i dati raccolti e le analisi condotte hanno mostrato che gli appartenenti al gruppo che aveva ricevuto le erbe cinesi avevano goduto di un maggiore riposo notturno riuscendo a dormire meglio e parlavano in modo più fluente e chiaro, rispetto a coloro che invece facevano parte del gruppo di controllo a cui era stato somministrato il placebo.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni