Pubblicità

Una «mano posseduta» per diventare geni della chitarra

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 313 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO - Vorreste suonare la chitarra come Carlos Santana ma non avete il tempo, né magari il talento per riuscirci? La "PossessedHand" che stanno mettendo a punto in Giappone ricercatori dell'università di Tokyo e della Sony potrebbe fare al caso vostro. Il nome, un filo inquietante per la verità, spiega tutto: la "mano posseduta" è infatti una sorta di manicotto da sistemare all'avambraccio che stimola elettricamente i muscoli che muovono le dita.

 

Non c'è di mezzo nessun musicista passato a miglior vita né fenomeni paranormali, insomma, ma la PossessedHand, prendendo il controllo della vostra mano, vi farà sembrare (almeno per un po') grandi artisti.
STIMOLAZIONE – Il manicotto contiene 28 elettrodi che, stimolando elettricamente i muscoli, controllano i movimenti di tutte le dita, delle loro articolazioni e del polso. Chi la indossa sente la mano pizzicare le corde della chitarra, senza quasi accorgersi di farlo: «Le dita sono mosse senza che ci sia l'intervento consapevole del soggetto», spiega Emi Tamaki dell'università di Tokyo, che ha condotto gli esperimenti.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo


 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni