Pubblicità

Una nuova terapia per il morbo di Parkinson è possibile?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1244 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

In uno studio condotto dall’ Università di Turku, in Finlandia, l’imaging del cervello, ottenuta attraverso la SPECT, ha permesso di acquisire informazioni circa l’attività dopaminergica. E’ emerso che l’attività della dopamina non riflette il numero di neuroni dopaminergici presenti nella substantia nigra, come è stato precedentemente ipotizzato.

morbo di Parkinson


Uno dei cambiamenti nel sistema nervoso centrale che avvengono nel morbo di Parkinson è la perdita di neuroni che producono dopamina nella substantia nigra, provocando un calo nei livelli di dopamina nel cervello, responsabile dei principali sintomi motori del disturbo, quali il tremore, l’agitazione, la rigidità muscolare e la lentezza dei movimenti.

La ridotta attività dopaminergica può essere osservata attraverso le immagini ottenute attraverso la Tomografia ad emissione di fotone singolo (SPECT), metodo ampiamente utilizzato per la diagnosi di morbo di Parkinson, sia in Europa che negli Stati Uniti.

Lo studio condotto dall’Università di Turku mostra che l’attività della dopamina, osservata attraverso la SPECT, non riflette il numero di neuroni dopaminergici presenti nella substantia nigra, contrariamente a quanto è stato ipotizzato in precedenza. Questa scoperta suggerisce che la correlazione tra il numero di neuroni e l’attività dopaminergica non è lineare.

Tale evidenza deve essere presa in considerazione in futuro per lo sviluppo di trattamenti che influenzino il numero di neuroni nella substantia nigra. Sembra, inoltre, che la SPECT non sia il metodo adatto per il monitoraggio dei risultati della ricerca sul trattamento delle fasi avanzate del morbo di Parkinson, soprattutto quando si studiano trattamenti che riguardano il numero di neuroni nella substantia nigra.

Nello studio, infine, il numero di neuroni presenti nella substantia nigra sono stati calcolati post – mortem nei pazienti affetti dal morbo di Parkinson che erano stati esaminati attraverso la SPECT prima della morte. Il numero di neuroni non può essere calcolato durante la vita di un paziente, poiché la substantia nigra si trova molto in profondità (all’interno del mesencefalo) e la cui biopsia è impossibile in vivo.

 

Tratto da: sciencedaily

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: trattamento parkinson

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

News Letters

0
condivisioni