Pubblicità

Una nuova terapia per il morbo di Parkinson è possibile?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1451 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

In uno studio condotto dall’ Università di Turku, in Finlandia, l’imaging del cervello, ottenuta attraverso la SPECT, ha permesso di acquisire informazioni circa l’attività dopaminergica. E’ emerso che l’attività della dopamina non riflette il numero di neuroni dopaminergici presenti nella substantia nigra, come è stato precedentemente ipotizzato.

morbo di Parkinson


Uno dei cambiamenti nel sistema nervoso centrale che avvengono nel morbo di Parkinson è la perdita di neuroni che producono dopamina nella substantia nigra, provocando un calo nei livelli di dopamina nel cervello, responsabile dei principali sintomi motori del disturbo, quali il tremore, l’agitazione, la rigidità muscolare e la lentezza dei movimenti.

La ridotta attività dopaminergica può essere osservata attraverso le immagini ottenute attraverso la Tomografia ad emissione di fotone singolo (SPECT), metodo ampiamente utilizzato per la diagnosi di morbo di Parkinson, sia in Europa che negli Stati Uniti.

Lo studio condotto dall’Università di Turku mostra che l’attività della dopamina, osservata attraverso la SPECT, non riflette il numero di neuroni dopaminergici presenti nella substantia nigra, contrariamente a quanto è stato ipotizzato in precedenza. Questa scoperta suggerisce che la correlazione tra il numero di neuroni e l’attività dopaminergica non è lineare.

Tale evidenza deve essere presa in considerazione in futuro per lo sviluppo di trattamenti che influenzino il numero di neuroni nella substantia nigra. Sembra, inoltre, che la SPECT non sia il metodo adatto per il monitoraggio dei risultati della ricerca sul trattamento delle fasi avanzate del morbo di Parkinson, soprattutto quando si studiano trattamenti che riguardano il numero di neuroni nella substantia nigra.

Nello studio, infine, il numero di neuroni presenti nella substantia nigra sono stati calcolati post – mortem nei pazienti affetti dal morbo di Parkinson che erano stati esaminati attraverso la SPECT prima della morte. Il numero di neuroni non può essere calcolato durante la vita di un paziente, poiché la substantia nigra si trova molto in profondità (all’interno del mesencefalo) e la cui biopsia è impossibile in vivo.

 

Tratto da: sciencedaily

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: trattamento parkinson

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters

0
condivisioni