Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Una possibile cura per l'autismo?

on . Postato in News di psicologia

L'acido folinico potrebbe aiutare i bambini con autismo a comunicare meglio.

2533Le prescrizioni di dosi di acido folinico, che è una forma ridotta di una vitamina B noto come acido folico, potrebbero contribuire a migliorare le competenze linguistiche e di comunicazione dei bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD).

Questi sono i risultati preliminari di uno studio controllato, in cui i bambini hanno ricevuti, in modo random, o alte dosi di acido folinico o un placebo, dice l'autore Richard Frye dell’Istituto di Ricerca dell’Arkansas negli Stati Uniti. Lo studio, che è pubblicato nella rivista di Springer Nature Molecular Psychiatry, ha anche identificato un marcatore del sangue specifico che può essere usato per predire quali pazienti hanno le migliori possibilità di rispondere al trattamento.

Il 2% dei bambini americani hanno sintomi che li immettono sul spettro autistico. Molti di questi bambini hanno difficoltà a comunicare e interagire con gli altri, in particolare all'interno di un contesto sociale.

I ricercatori non sono ancora riusciti a comprendere appieno tutte le ragioni che stanno dietro lo sviluppo di ASD e, soprattutto, non esistono attualmente trattamenti approvati che affrontano i sintomi principali di questa malattia.

"I soli farmaci attualmente approvati per l'autismo sono entrambi i farmaci antipsicotici che non affrontano i sintomi primari e possono portare a effetti collaterali indesiderati", dice John Slattery, un co-autore dello studio.

La ricerca scientifica ha collegato questo disturbo ad anomalie nel metabolismo dei folati, così come i geni che sono coinvolti nel metabolismo dei folati. Alcuni studi hanno anche dimostrato che i figli di donne che hanno preso supplementi di folati prima del concepimento e durante la gravidanza hanno avuto un minor rischio di avere un bambino con ASD.

Circa dieci anni fa è stata evidenziata una condizione, nota come carenza folato cerebrale (CFD), in cui la concentrazione di folato è inferiore al normale nel sistema nervoso centrale ma non nel sangue. Molti bambini con CFD avevano sintomi ASD e hanno risposto bene al trattamento con l'acido folico ad alte dosi.

La squadra di Frye potrebbe dimostrare che gli autoanticorpi del recettore dei folati sono stati trovati con una elevata prevalenza nei bambini con ASD. Nel corso dello studio, questi ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con autoanticorpi recettori di folato hanno avuto una risposta più favorevole al trattamento con acido folinico.

Questo apre la strada a un test che potrebbe essere utile per i medici di determinare se alte dosi di acido folico potrebbe essere un trattamento farmacologico per un bambino con ASD. Gli effetti deleteri di anticorpi anti-recettore folato sullo sviluppo e la funzione del cervello sono state confermati su una cavia da laboratorio.

"Il miglioramento della comunicazione verbale è risultato significativamente maggiore nei partecipanti trattati con acido folinico rispetto a quelli trattati con placebo", dice Frye. Egli aggiunge che i risultati dovrebbero essere considerati preliminari fino a quando il trattamento non venga valutato ulteriormente in studi più ampi a lungo termine.

I ricercatori hanno asserito di essere molto soddisfatti dei risultati positivi di questo studio, ma avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche al fine di replicare i risultati in una popolazione più ampia.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: autismo bambini, antipsicotici acido folinico difficoltà a comunicare carenza folato cerebrale

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sentimenti (1500386971181)

Soraya16, 39       Salve, due mesi fa ho lasciato la mia compagna, con la quale abbiamo una bimba di 14 mesi. La ho lasciata perché non mi...

Amore non corrisposto (1500292…

BlackMoon92, 25       Salve, Un mese fa sono uscita con un ragazzo con la quale ci sentivamo da 3 mesi via chat, 24h su 24, un feeling paz...

Non ce la faccio piu vorrei sc…

  Tiziana, 20     Ho 20 anni e mi sento in una grave depressione dovuta alla mia famiglia e al mio ragazzo che sta con me da ormai 3 anni...

Area Professionale

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Workshop: I Pericoli di Facebo…

Il giorno 24 maggio 2017, presso la sede di Pescara dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo, si è svolto il primo dei due incontri dedicati alla Web R...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters