Pubblicità

Una possibile cura per l'autismo?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1466 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'acido folinico potrebbe aiutare i bambini con autismo a comunicare meglio.

2533Le prescrizioni di dosi di acido folinico, che è una forma ridotta di una vitamina B noto come acido folico, potrebbero contribuire a migliorare le competenze linguistiche e di comunicazione dei bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD).

Questi sono i risultati preliminari di uno studio controllato, in cui i bambini hanno ricevuti, in modo random, o alte dosi di acido folinico o un placebo, dice l'autore Richard Frye dell’Istituto di Ricerca dell’Arkansas negli Stati Uniti. Lo studio, che è pubblicato nella rivista di Springer Nature Molecular Psychiatry, ha anche identificato un marcatore del sangue specifico che può essere usato per predire quali pazienti hanno le migliori possibilità di rispondere al trattamento.

Il 2% dei bambini americani hanno sintomi che li immettono sul spettro autistico. Molti di questi bambini hanno difficoltà a comunicare e interagire con gli altri, in particolare all'interno di un contesto sociale.

I ricercatori non sono ancora riusciti a comprendere appieno tutte le ragioni che stanno dietro lo sviluppo di ASD e, soprattutto, non esistono attualmente trattamenti approvati che affrontano i sintomi principali di questa malattia.

"I soli farmaci attualmente approvati per l'autismo sono entrambi i farmaci antipsicotici che non affrontano i sintomi primari e possono portare a effetti collaterali indesiderati", dice John Slattery, un co-autore dello studio.

La ricerca scientifica ha collegato questo disturbo ad anomalie nel metabolismo dei folati, così come i geni che sono coinvolti nel metabolismo dei folati. Alcuni studi hanno anche dimostrato che i figli di donne che hanno preso supplementi di folati prima del concepimento e durante la gravidanza hanno avuto un minor rischio di avere un bambino con ASD.

Circa dieci anni fa è stata evidenziata una condizione, nota come carenza folato cerebrale (CFD), in cui la concentrazione di folato è inferiore al normale nel sistema nervoso centrale ma non nel sangue. Molti bambini con CFD avevano sintomi ASD e hanno risposto bene al trattamento con l'acido folico ad alte dosi.

La squadra di Frye potrebbe dimostrare che gli autoanticorpi del recettore dei folati sono stati trovati con una elevata prevalenza nei bambini con ASD. Nel corso dello studio, questi ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con autoanticorpi recettori di folato hanno avuto una risposta più favorevole al trattamento con acido folinico.

Questo apre la strada a un test che potrebbe essere utile per i medici di determinare se alte dosi di acido folico potrebbe essere un trattamento farmacologico per un bambino con ASD. Gli effetti deleteri di anticorpi anti-recettore folato sullo sviluppo e la funzione del cervello sono state confermati su una cavia da laboratorio.

"Il miglioramento della comunicazione verbale è risultato significativamente maggiore nei partecipanti trattati con acido folinico rispetto a quelli trattati con placebo", dice Frye. Egli aggiunge che i risultati dovrebbero essere considerati preliminari fino a quando il trattamento non venga valutato ulteriormente in studi più ampi a lungo termine.

I ricercatori hanno asserito di essere molto soddisfatti dei risultati positivi di questo studio, ma avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche al fine di replicare i risultati in una popolazione più ampia.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: autismo bambini, antipsicotici acido folinico difficoltà a comunicare carenza folato cerebrale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni