Pubblicità

Uno studio dimostra che l'uso moderato di cannabis ha effetti avversi sul funzionamento cognitivo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 368 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il consumo moderato di cannabis da parte degli adolescenti può avere effetti negativi sul funzionamento cognitivo, in particolare la memoria verbale

Uno studio dimostra che luso moderato di cannabis ha effetti avversi sul funzionamento cognitivo

Questi effetti non possono essere spiegati da fattori familiari, secondo uno studio sui fratelli condotto dalla University of Colorado School of Medicine.


"Volevamo espandere la nostra comprensione del fatto che l'uso di cannabis sia correlato a un funzionamento cognitivo inferiore ", ha detto l'autore principale dello studio, il dottor Jarrod Ellingson, ricercatore presso il Dipartimento di Psichiatria presso la University of Colorado School of Medicine e l'Istituto di genetica comportamentale presso Università del Colorado.

"Ci sono molte prove che il consumo di cannabis sia collegato al funzionamento cognitivo, ma sappiamo che l'uso di cannabis non è isolato da altri importanti fattori di rischio (ad es. Influenza del gruppo dei pari, comportamento dei genitori, stato socioeconomico)".

"Questa è stata la motivazione principale alla base di questo studio, in cui abbiamo confrontato i fratelli per tenere conto di molti di questi fattori di rischio".

Nello studio, il dottor Ellingson e colleghi sono stati in grado di stabilire confronti tra fratelli e quindi determinare che i livelli differenziali di consumo di cannabis erano correlati a un funzionamento cognitivo più scadente, in particolare alla memoria verbale.

Un totale di 1.192 adolescenti di 596 famiglie hanno partecipato allo studio. I partecipanti erano principalmente maschi (64%) e razzialmente ed etnicamente diversi.

Il consumo di droga è stato valutato attraverso interviste cliniche e le capacità cognitive sono state analizzate attraverso una batteria di test neuropsicologici.

Pubblicità


Sono state raccolte due ondate di dati: la prima era di partecipanti con un'età media di 17 anni dal 2001 al 2006; il secondo è stato raccolto dal 2008 al 2013, con un'età media dei partecipanti di 24 anni.

"È necessario fare più lavoro per determinare in che modo l'uso di cannabis è correlato al funzionamento cognitivo e speriamo che il nostro studio possa aiutare a informare i futuri progetti di studio", ha detto il dottor Ellingson.

"Questi studi sono particolarmente importanti perché la cannabis sta diventando più potente e più accessibile man mano che gli stati legalizzano il suo uso ricreativo".

"A causa dei cambiamenti nella legalità della cannabis ricreativa e medica e dell'accesso diffuso in molti stati, devono essere disponibili dati empirici validi per informare le decisioni politiche e di salute pubblica, incluso il modo in cui l'uso di cannabis può influenzare il cervello in via di sviluppo", hanno detto gli scienziati.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: addiction funzionamento cognitivo cannabis

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni