Pubblicità

Uno studio suggerisce che l'apprendimento inconscio è alla base della fede in Dio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 268 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Secondo i neuroscienziati un'abilità chiamata apprendimento implicito di schemi può essere alla base delle credenze religiose.

Uno studio suggerisce che lapprendimento inconscio è alla base della fede in Dio

Gli scienziati della Georgetown University, è probabile che gli individui che possono predire inconsciamente schemi complessi, un'abilità chiamata apprendimento implicito di schemi, siano convinti che esista un dio che crea schemi di eventi nell'universo.

La loro ricerca, riportata sulla rivista Nature Communications, è la prima a utilizzare l'apprendimento dei modelli impliciti per indagare sul credo religioso.

Lo studio ha coinvolto due gruppi culturali e religiosi molto diversi, uno negli Stati Uniti e uno in Afghanistan.

L'obiettivo era verificare se l'apprendimento di schemi impliciti è una base di credenze e, in tal caso, se tale connessione è valida tra fedi e culture diverse. I ricercatori hanno infatti scoperto che l'apprendimento implicito di schemi sembra offrire una chiave per comprendere una varietà di religioni.

"La fede in una o più divinità che intervengono nel mondo per creare ordine è un elemento centrale delle religioni globali", afferma il ricercatore senior dello studio, Adam Green, professore associato presso il Dipartimento di psicologia e programma interdisciplinare di neuroscienze a Georgetown, e direttore del Georgetown Laboratory for Relational Cognition.

"Questo non è uno studio sull'esistenza di Dio, è uno studio sul perché e come i cervelli arrivano a credere negli dei. La nostra ipotesi è che le persone il cui cervello è bravo a discernere inconsciamente schemi nel loro ambiente possano attribuire questi schemi alla mano di una potenza superiore ", aggiunge.

"Un'osservazione davvero interessante è stata quello che è successo tra l'infanzia e l'età adulta", spiega Green. I dati suggeriscono che se i bambini rilevano inconsciamente i modelli dell'ambiente, è più probabile che la loro convinzione aumenti man mano che crescono, anche se si trovano in una famiglia non religiosa.

Allo stesso modo, se non rilevano inconsciamente i modelli che li circondano, è più probabile che la loro fede diminuisca man mano che crescono, anche in una famiglia religiosa.

Lo studio ha utilizzato un test cognitivo consolidato per misurare l'apprendimento dei pattern impliciti.

I partecipanti hanno osservato la comparsa e la scomparsa di una sequenza di punti sullo schermo di un computer. Hanno premuto un pulsante per ogni punto.

Pubblicità

I punti si muovevano rapidamente, ma alcuni partecipanti, quelli con la più forte capacità di apprendimento implicito, iniziarono ad apprendere inconsciamente schemi nascosti nella sequenza e persino a premere il pulsante corretto per il punto successivo prima che quel punto apparisse effettivamente.

Tuttavia, anche i migliori discenti impliciti non sapevano che i punti formavano schemi, dimostrando che l'apprendimento stava avvenendo a livello inconscio.

La sezione statunitense dello studio ha arruolato un gruppo prevalentemente cristiano di 199 partecipanti da Washington, DC La sezione dello studio sull'Afghanistan ha arruolato un gruppo di 149 partecipanti musulmani a Kabul.

L'autore principale dello studio era Adam Weinberger, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Green a Georgetown e presso l'Università della Pennsylvania. I coautori Zachery Warren e Fathali Moghaddam hanno guidato un team di ricercatori afghani locali che hanno raccolto dati a Kabul.

"L'aspetto più interessante di questo studio, per me e anche per il gruppo di ricerca afghano, è stato vedere modelli nei processi cognitivi e nelle credenze replicati in queste due culture", dice Warren. "Afgani e americani possono essere più simili che diversi, almeno in alcuni processi cognitivi coinvolti nella fede religiosa e nel dare un significato al mondo che ci circonda. Indipendentemente dalla propria fede, i risultati suggeriscono intuizioni entusiasmanti sulla natura della fede".

"Un cervello che è più predisposto all'apprendimento di schemi impliciti può essere più incline a credere in un dio, non importa in quale parte del mondo quel cervello si trovi o in quale contesto religioso", aggiunge Green, sebbene avverta che ulteriori ricerche sono necessarie.

"Ottimisticamente", conclude Green, "questa prova potrebbe fornire un terreno comune neuro-cognitivo a livello umano di base tra credenti di fedi disparate".

 

 Reference:

Adam B. Weinberger, Natalie M. Gallagher, Zachary J. Warren, Gwendolyn A. English, Fathali M. Moghaddam, Adam E. Green. Implicit pattern learning predicts individual differences in belief in God in the United States and Afghanistan. Nature Communications, 2020; 11: 4503 DOI: 10.1038/s41467-020-18362-3

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 


0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove informazioni attraverso un comportamento...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Sexting

Il termine "sexting" letteralmente deriva dalla fusione di due parole inglesi "sex" (sesso) e "texting" (inviare messaggi). Il "sesso virtuale", traduzione ita...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni