Pubblicità

Uomini e topi di fronte al calcolo probabilistico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 324 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I risultati porterebbero a concludere, secondo i ricercatori, che la valutazione del rischio non è un’attività conscia di livello superiore, ma una capacità a cui sovrintende una parte antica del nostro cervello e che condividiamo con altri mammiferi Gli esseri umani condividono con i topi una facoltà psicologica molto importante: la capacità di valutare il rischio. È quanto afferma una ricerca svoltasi presso la Rutgers University i cui risultati sono pubblicati sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences”.

Fuat Balci, David Freestone e Charles R. Gallistel, autori del lavoro, riportano infatti i risultati di un esperimento che fanno supporre che le prestazioni dei piccoli animali siano simili alle nostre quando si tratta di valutare in pochi secondi quale di due luoghi sia il posto migliore per ottenere una ricompensa. Ciò porterebbe a concludere, sostengono i ricercatori, che la valutazione del rischio non è un’attività conscia di livello superiore, ma una capacità a cui sovrintende una parte antica del nostro cervello e che condividiamo con altri mammiferi, tra cui appunto i topi.

Tratto da "Le Scienze" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

News Letters

0
condivisioni