Pubblicità

Uomini, re delle chiacchiere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 335 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

“Voi donne non state mai zitte”: la prossima volta che l’uomo di casa - padre o compagno che sia - vi rivolgerà la più classica delle battute, guardatelo con sufficienza e allungategli una copia della ricerca dell’Università della California su loquacità e sesso. Lo lascerete senza parole. Forse. Perché, rivela lo studio della psicologa Campbell Leaper, sono gli uomini i più chiacchieroni: dalla comparazione di 70 differenti indagini sulle abitudini di conversazione nei due sessi, risulta che gli uomini tendono a voler dominare nelle discussioni, il che fa crescere il numero medio di parole utilizzate.

In particolare, gli uomini parlano di più con il partner, di qualunque sesso sia, e danno il meglio quando si trovano in disaccordo con l’interlocutore. Le donne, invece, danno libero sfogo alla parlantina quando le conversazioni sono incentrate sui sentimenti e coinvolgono compagni di classe, parenti o bambini: in questo caso, la loro loquacità torna a predominare su quella degli uomini.

Tratto da "Lastampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni