Pubblicità

Valproato e variazione del gene COMT nella schizofrenia e disturbo bipolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 892 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aumentando i livelli di prolina in pazienti con variante genica Val/Val i sintomi negativi tendono a regredire più facilmente, mentre in quelli con variante Met/Met l’aumento di prolina può produrre l’effetto opposto.

schizofrenia e disturbo bipolareUn nuovo studio condotto presso la Columbia University Medical Center suggerisce che un farmaco prescritto per molti pazienti affetti da schizofrenia o disturbo bipolare diminuisca i sintomi negativi, soprattutto per le persone con una certa variante del gene COMT.

Il valproato, uno stabilizzante dell’umore, è comunemente prescritto per il trattamento del disturbo bipolare e i sintomi negativi della schizofrenia.

Questo farmaco può essere efficace in quei pazienti psichiatrici con due copie della variante “Val” del gene COMT, che favorisce la degradazione della dopamina nel cervello. Nel 40% dei pazienti con questo genotipo, gli elevati livelli di prolina, un neuromodulatore che è aumentato dal valproato, correla con meno sintomi negativi.

Nei pazienti che invece hanno una variante “Met” del gene COMT, l’aumento dei livelli di prolina produce l’effetto contrario: questi pazienti presentano infatti un peggioramento dei sintomi negativi.

Studi precedenti hanno delineato un’interazione tra i livelli ematici elevati di prolina – un modulatore dei neurotrasmettitori che, in quantità elevate, è associato con le malattie psichiatriche come la schizofrenia – e il gene chiamato COMT, che produce un enzima che aiuta a mantenere normali i livelli di rilascio dei neurotrasmettitori nel cervello.

Una versione dell’enzima contiene metionina (Met), mentre un altro tipo contiene valina (Val); le persone possono ereditare una copia di ogni tipo (Val/Met) o due copie del tipo (Val/Val o Met/Met).

Pubblicità

Ulteriori studi hanno suggerito che il COMT Val/Val ha una maggiore attività enzimatica, aumentando così la sua capacità di abbassare i livelli di dopamina nel cervello.

Nel presente studio, i ricercatori hanno confrontato la gravità dei sintomi negativi e i livelli di prolina in 95 pazienti schizofrenici ospedalizzati con entrambe le varianti del gene COMT.

Nei pazienti con COMT Val/Val, la gravità dei sintomi diminuiva all’aumentare dei livelli di prolina; al contrario, livelli più elevati di prolina sono stati associati ad una maggiore gravità dei sintomi negativi in quei pazienti con il gene COMT Met/Met.

La stessa procedura di somministrazione di valproato, è stata effettuata su 43 pazienti bipolari raggiungendo gli stessi risultati.

Questo studio suggerisce pertanto che, aumentando i livelli di prolina in pazienti con variante genica Val/Val i sintomi negativi tendono a regredire più facilmente, mentre in quelli con variante Met/Met l’aumento di prolina può produrre l’effetto opposto.

Queste informazioni possono quindi aiutare a determinare quali pazienti possono essere più probabili di trarre beneficio dal trattamento.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: schizofrenia disturbo bipolare valproato Gene COMT variazione genica Val/Val Met/Met sintomi negativi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

News Letters

0
condivisioni