Pubblicità

Valproato e variazione del gene COMT nella schizofrenia e disturbo bipolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2346 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aumentando i livelli di prolina in pazienti con variante genica Val/Val i sintomi negativi tendono a regredire più facilmente, mentre in quelli con variante Met/Met l’aumento di prolina può produrre l’effetto opposto.

schizofrenia e disturbo bipolareUn nuovo studio condotto presso la Columbia University Medical Center suggerisce che un farmaco prescritto per molti pazienti affetti da schizofrenia o disturbo bipolare diminuisca i sintomi negativi, soprattutto per le persone con una certa variante del gene COMT.

Il valproato, uno stabilizzante dell’umore, è comunemente prescritto per il trattamento del disturbo bipolare e i sintomi negativi della schizofrenia.

Questo farmaco può essere efficace in quei pazienti psichiatrici con due copie della variante “Val” del gene COMT, che favorisce la degradazione della dopamina nel cervello. Nel 40% dei pazienti con questo genotipo, gli elevati livelli di prolina, un neuromodulatore che è aumentato dal valproato, correla con meno sintomi negativi.

Nei pazienti che invece hanno una variante “Met” del gene COMT, l’aumento dei livelli di prolina produce l’effetto contrario: questi pazienti presentano infatti un peggioramento dei sintomi negativi.

Studi precedenti hanno delineato un’interazione tra i livelli ematici elevati di prolina – un modulatore dei neurotrasmettitori che, in quantità elevate, è associato con le malattie psichiatriche come la schizofrenia – e il gene chiamato COMT, che produce un enzima che aiuta a mantenere normali i livelli di rilascio dei neurotrasmettitori nel cervello.

Una versione dell’enzima contiene metionina (Met), mentre un altro tipo contiene valina (Val); le persone possono ereditare una copia di ogni tipo (Val/Met) o due copie del tipo (Val/Val o Met/Met).

Pubblicità

Ulteriori studi hanno suggerito che il COMT Val/Val ha una maggiore attività enzimatica, aumentando così la sua capacità di abbassare i livelli di dopamina nel cervello.

Nel presente studio, i ricercatori hanno confrontato la gravità dei sintomi negativi e i livelli di prolina in 95 pazienti schizofrenici ospedalizzati con entrambe le varianti del gene COMT.

Nei pazienti con COMT Val/Val, la gravità dei sintomi diminuiva all’aumentare dei livelli di prolina; al contrario, livelli più elevati di prolina sono stati associati ad una maggiore gravità dei sintomi negativi in quei pazienti con il gene COMT Met/Met.

La stessa procedura di somministrazione di valproato, è stata effettuata su 43 pazienti bipolari raggiungendo gli stessi risultati.

Questo studio suggerisce pertanto che, aumentando i livelli di prolina in pazienti con variante genica Val/Val i sintomi negativi tendono a regredire più facilmente, mentre in quelli con variante Met/Met l’aumento di prolina può produrre l’effetto opposto.

Queste informazioni possono quindi aiutare a determinare quali pazienti possono essere più probabili di trarre beneficio dal trattamento.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: schizofrenia disturbo bipolare valproato Gene COMT variazione genica Val/Val Met/Met sintomi negativi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vien...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni