Pubblicità

Valproato e variazione del gene COMT nella schizofrenia e disturbo bipolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 964 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aumentando i livelli di prolina in pazienti con variante genica Val/Val i sintomi negativi tendono a regredire più facilmente, mentre in quelli con variante Met/Met l’aumento di prolina può produrre l’effetto opposto.

schizofrenia e disturbo bipolareUn nuovo studio condotto presso la Columbia University Medical Center suggerisce che un farmaco prescritto per molti pazienti affetti da schizofrenia o disturbo bipolare diminuisca i sintomi negativi, soprattutto per le persone con una certa variante del gene COMT.

Il valproato, uno stabilizzante dell’umore, è comunemente prescritto per il trattamento del disturbo bipolare e i sintomi negativi della schizofrenia.

Questo farmaco può essere efficace in quei pazienti psichiatrici con due copie della variante “Val” del gene COMT, che favorisce la degradazione della dopamina nel cervello. Nel 40% dei pazienti con questo genotipo, gli elevati livelli di prolina, un neuromodulatore che è aumentato dal valproato, correla con meno sintomi negativi.

Nei pazienti che invece hanno una variante “Met” del gene COMT, l’aumento dei livelli di prolina produce l’effetto contrario: questi pazienti presentano infatti un peggioramento dei sintomi negativi.

Studi precedenti hanno delineato un’interazione tra i livelli ematici elevati di prolina – un modulatore dei neurotrasmettitori che, in quantità elevate, è associato con le malattie psichiatriche come la schizofrenia – e il gene chiamato COMT, che produce un enzima che aiuta a mantenere normali i livelli di rilascio dei neurotrasmettitori nel cervello.

Una versione dell’enzima contiene metionina (Met), mentre un altro tipo contiene valina (Val); le persone possono ereditare una copia di ogni tipo (Val/Met) o due copie del tipo (Val/Val o Met/Met).

Pubblicità

Ulteriori studi hanno suggerito che il COMT Val/Val ha una maggiore attività enzimatica, aumentando così la sua capacità di abbassare i livelli di dopamina nel cervello.

Nel presente studio, i ricercatori hanno confrontato la gravità dei sintomi negativi e i livelli di prolina in 95 pazienti schizofrenici ospedalizzati con entrambe le varianti del gene COMT.

Nei pazienti con COMT Val/Val, la gravità dei sintomi diminuiva all’aumentare dei livelli di prolina; al contrario, livelli più elevati di prolina sono stati associati ad una maggiore gravità dei sintomi negativi in quei pazienti con il gene COMT Met/Met.

La stessa procedura di somministrazione di valproato, è stata effettuata su 43 pazienti bipolari raggiungendo gli stessi risultati.

Questo studio suggerisce pertanto che, aumentando i livelli di prolina in pazienti con variante genica Val/Val i sintomi negativi tendono a regredire più facilmente, mentre in quelli con variante Met/Met l’aumento di prolina può produrre l’effetto opposto.

Queste informazioni possono quindi aiutare a determinare quali pazienti possono essere più probabili di trarre beneficio dal trattamento.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: schizofrenia disturbo bipolare valproato Gene COMT variazione genica Val/Val Met/Met sintomi negativi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni