Pubblicità

Via libera al sesso per cardiopatici e reduci da ictus

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 812 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La vita sessuale è importante anche per chi ha avuto o ha ancora problemi di cardiaci, vascolari e simili. Tuttavia è normale che chi abbia subito un attacco di cuore, un ictus o gli sia stata diagnosticata una malattia cardiovascolare abbia dei dubbi o delle paure nei confronti dell’attività sessuale che, potenzialmente, potrebbe essere pericolosa.A fugare i dubbi ci hanno pensato i medici..

..dell’American Heart Association attraverso un comunicato pubblicato sulla versione online del Journal of the American Heart Association.
Qui, gli scienziati hanno raccolto e pubblicato i pareri di diversi specialisti: dal cardiologo al fisiologo, fino al sessuologo.
«L’attività sessuale è una questione di maggiore qualità della vita per gli uomini e le donne con malattie cardiovascolari e i loro partner. Purtroppo, le discussioni circa l’attività sessuale raramente hanno luogo nel contesto clinico», spiega il dottor Glenn N. Levine promotore dell’iniziativa e professore di medicina presso il Baylor College of Medicine di Houston, in Texas.

 

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni