Pubblicità

Viaggi astrali? No, instabilità neurali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1570 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sono conosciute con diversi nomi le esperienze fuori del corpo: c’è chi le chiama viaggi astrali, chi OOBE, l’acronimo di Out of Body Experiences. Ma, in sostanza, si tratta di particolari situazioni in cui la persona ha la sensazione di uscire dal proprio corpo e compiere, in alcuni casi, dei propri e veri spostamenti nello spazio.
Spesso queste esperienze, laddove non siano materia di vanto di qualche “guru” new age, sono associate a eventi traumatici come incidenti, malattie come l’epilessia, l’emicrania o altre patologie mentali. Tuttavia, si ritiene che anche le persone perfettamente normali possano avere di queste esperienze extracorporee.

 

Incuriositi dal fenomeno, i ricercatori del Behavioural Brain Sciences Centre, presso la School of Psychology dell’Università di Birmingham, hanno deciso di condurre uno studio per analizzare e comprendere cosa provochi queste esperienze. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cortex di Elsevier.
Il dottor Jason Braithwaite e colleghi hanno indagato i fattori sottostanti associati alla propensione degli individui sani ad avere un'OOBE. Lo scopo dello studio è stato quello di capire come queste “allucinazioni” possano verificarsi, come lavori il normale processo mentale “nel corpo” e perché, quando si rompe, produca queste esperienze sorprendenti.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività è stata co...

News Letters

0
condivisioni