Pubblicità

Videocamere indossate dai bambini per capire le esperienze in prima persona

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 489 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio suggerisce che ogni bambino, in età prescolare, può avere un'esperienza molto diversa. I ricercatori, in classe, hanno documentato queste esperienze usando una nuova tecnica: far indossare ai bambini una videocamera in testa, per due ore al giorno, per vedere com'è la lezione dal punto di vista del bambino.

bambini videocamera

In questo studio, pubblicato di recente su PLOS ONE, i ricercatori erano interessati all'ambiente linguistico: in che modo i bambini sono stati esposti al linguaggio in classe?


"Abbiamo scoperto che la durata e la frequenza delle interazioni dei bambini con gli insegnanti e con i compagni era molto diversa tra i bambini", ha dichiarato Leydi Johana Chaparro-Moreno, autrice principale dello studio e dottoranda in psicologia dell'istruzione presso la Ohio State University.

"Nel complesso, i bambini hanno interagito più con l'insegnante rispetto ai loro coetanei, ma per alcuni ragazzi i loro coetanei sono stati un'ulteriore fonte di ascolto del linguaggio".

Questo era qualcosa che i ricercatori non potevano facilmente imparare dagli studi tradizionali, ha affermato. La maggior parte degli studi precedenti ha osservato come gli insegnanti si comportavano nella classe, ad esempio come parlavano ai bambini.

"Ciò che mancava era la prospettiva dei bambini. Soprattutto nelle aule della scuola materna, ogni bambino potrebbe non ascoltare contemporaneamente l'insegnante o interagire allo stesso modo", ha detto Chaparro-Moreno.

Lo studio ha coinvolto 13 bambini, di età compresa tra 3 e 4 anni, che hanno frequentato un asilo nido senza scopo di lucro in una comunità urbana.

I bambini, i cui genitori hanno accettato di farli partecipare allo studio, indossavano la videocamera wireless montata sulla testa in un giorno assegnato a caso per un periodo di quattro giorni.

L'hanno indossata per un'ora al mattino, durante il quale hanno partecipato a diversi tipi di attività: alcune coinvolgevano l'intera classe e altre in cui i bambini erano liberi di scegliere cosa fare.

Quattro bambini indossavano una videocamera ogni giorno, così come l'insegnante.

Successivamente, i ricercatori hanno analizzato i video per vedere quante volte ogni bambino ha interagito con l'insegnante o con un compagno, per quanto tempo è durata ogni interazione e una varietà di aspetti dell'interazione.

Pubblicità


Complessivamente, circa il 60 percento delle interazioni riprese nel video erano con l'insegnante. E la durata totale delle interazioni con gli insegnanti è stata quasi tre volte più lunga delle interazioni con i coetanei.

Ma c'era un'ampia variazione. Sei dei 13 bambini hanno interagito con i loro coetanei quasi tutte le volte che hanno interagito con i loro insegnanti. Inoltre, quattro bambini hanno interagito per periodi più lunghi con i loro coetanei, in relazione alla lunghezza media dell'interazione tra tutti i bambini.

Quando qualcuno parlava direttamente con un bambino che indossava la videocamera in classe, l'81% delle volte era l'insegnante.

Tutte le frasi e le parole difficili, i bambini, le hanno sentite dai loro insegnanti, il 92% di tutte le frasi complesse proveniva da insegnanti. Ma ancora una volta, c'era molta variabilità, ha detto Chaparro-Moreno.

Ad esempio, per ogni tipo di parola e frase complessa che un bambino sentiva al minuto dagli insegnanti, un altro bambino sentiva cinque tipi di parole e quattro frasi complesse.

"Gli insegnanti possono adattare il modo in cui interagiscono con i bambini per soddisfare le esigenze di apprendimento degli studenti", ha affermato. "È anche possibile che la capacità linguistica e la personalità dei bambini possano svolgere un ruolo nel modo in cui interagiscono con l'insegnante e i loro pari".

Questo studio fa parte di un più ampio progetto quinquennale da 4,5 milioni di dollari chiamato Early Learning Ohio finanziato dall'Istituto federale di scienze dell'educazione (Federal Institute of Education Sciences), ha affermato Laura Justice, coautrice del documento PLOS ONE e ricercatrice principale del progetto.

Il progetto, che coinvolge gli studenti dall'asilo al terzo anno, "sta cercando di identificare quali aspetti dell'esperienza in classe sono più importanti per lo sviluppo accademico e lo sviluppo sociale", ha detto Justice, che è anche direttore dell'Ohio State's Crane Center for Early Childhood Research and Policy.

I dati dello studio con la videocamera verranno utilizzati in studi futuri per modellare le reti sociali in classe ed esaminare come i bambini risolvono i conflitti tra loro.

I ricercatori che partecipano al progetto stanno sperimentando altre tecnologie, come i sensori di posizione, per vedere come i bambini si muovono in classe e interagiscono con i loro coetanei.

"Il nostro obiettivo è mappare le dimensioni dell'esperienza in classe, comprese le relazioni con insegnanti e coetanei, quanto i bambini apprezzano la scuola e se sono vittime di altri bambini", ha affermato Justice.



FONTE:

  • Leydi Johana Chaparro-Moreno, Laura M. Justice, Jessica A. R. Logan, Kelly M. Purtell, Tzu-Jung Lin. The preschool classroom linguistic environment: Children’s first-person experiences. PLOS ONE, 2019; 14 (8): e0220227 DOI: 10.1371/journal.pone.0220227




Articolo a cura del dottor Andrea di Maio


Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: insegnanti news di psicologia videocamera

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Problema cellulare (1572545674…

Marta 16, 19     Buonasera, chiedo un consiglio per la situazione che sto vivendo con il ragazzo con cui mi sento da vari mesi. Ci siamo scontrat...

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni