Pubblicità

Videogame violenti: piace il gioco non il pulp

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 485 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è un malcelato desiderio di compiere una carneficina quello che sta alla base della passione per i videogiochi spara-spara, bensì il sano piacere della sfida che il videogame comporta. A raggiungere questa conclusione, in uno studio pubblicato sulla rivista  Personality and Social Psychology Bulletin, svolto in collaborazione dall’Università di Rochester e da Immersyve Inc., società che monitora i gusti dei videogiocatori.

“Per la stragrande maggioranza dei giocatori, anche quelli che apprezzano  i giochi violenti e ci giocano volentieri, la violenza non è un plus”, spiega Andrew Przybylski, che ha guidato lo studio. “Il contenuto violento è preferito solo da un piccolo sotto-gruppo di persone che solitamente riferiscono di essere più aggressive”, aggiunge Przybylski, ma persino loro non dichiarano di provare maggiore soddisfazione nel gioco con l’aumentare del sangue e della violenza. Attraverso due sondaggi online (cui hanno risposto 2600 giocatori abituali, quasi il 90 per cento dei quali maschi tra i 18 e i 39 anni)  e quattro studi sperimentali, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che le persone restano incollate a giocare soprattutto per il senso di sfida e di autonomia che sperimentano durante il gioco.

Tratto da " Panorama.it" - prosegui nella lettura dell' articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters

0
condivisioni