Pubblicità

Videogame violenti: piace il gioco non il pulp

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 339 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è un malcelato desiderio di compiere una carneficina quello che sta alla base della passione per i videogiochi spara-spara, bensì il sano piacere della sfida che il videogame comporta. A raggiungere questa conclusione, in uno studio pubblicato sulla rivista  Personality and Social Psychology Bulletin, svolto in collaborazione dall’Università di Rochester e da Immersyve Inc., società che monitora i gusti dei videogiocatori.

“Per la stragrande maggioranza dei giocatori, anche quelli che apprezzano  i giochi violenti e ci giocano volentieri, la violenza non è un plus”, spiega Andrew Przybylski, che ha guidato lo studio. “Il contenuto violento è preferito solo da un piccolo sotto-gruppo di persone che solitamente riferiscono di essere più aggressive”, aggiunge Przybylski, ma persino loro non dichiarano di provare maggiore soddisfazione nel gioco con l’aumentare del sangue e della violenza. Attraverso due sondaggi online (cui hanno risposto 2600 giocatori abituali, quasi il 90 per cento dei quali maschi tra i 18 e i 39 anni)  e quattro studi sperimentali, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che le persone restano incollate a giocare soprattutto per il senso di sfida e di autonomia che sperimentano durante il gioco.

Tratto da " Panorama.it" - prosegui nella lettura dell' articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

News Letters

0
condivisioni