Pubblicità

Videogame violenti: piace il gioco non il pulp

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 709 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è un malcelato desiderio di compiere una carneficina quello che sta alla base della passione per i videogiochi spara-spara, bensì il sano piacere della sfida che il videogame comporta. A raggiungere questa conclusione, in uno studio pubblicato sulla rivista  Personality and Social Psychology Bulletin, svolto in collaborazione dall’Università di Rochester e da Immersyve Inc., società che monitora i gusti dei videogiocatori.

“Per la stragrande maggioranza dei giocatori, anche quelli che apprezzano  i giochi violenti e ci giocano volentieri, la violenza non è un plus”, spiega Andrew Przybylski, che ha guidato lo studio. “Il contenuto violento è preferito solo da un piccolo sotto-gruppo di persone che solitamente riferiscono di essere più aggressive”, aggiunge Przybylski, ma persino loro non dichiarano di provare maggiore soddisfazione nel gioco con l’aumentare del sangue e della violenza. Attraverso due sondaggi online (cui hanno risposto 2600 giocatori abituali, quasi il 90 per cento dei quali maschi tra i 18 e i 39 anni)  e quattro studi sperimentali, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che le persone restano incollate a giocare soprattutto per il senso di sfida e di autonomia che sperimentano durante il gioco.

Tratto da " Panorama.it" - prosegui nella lettura dell' articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters

0
condivisioni