Pubblicità

Videogame violenti: piace il gioco non il pulp

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 296 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è un malcelato desiderio di compiere una carneficina quello che sta alla base della passione per i videogiochi spara-spara, bensì il sano piacere della sfida che il videogame comporta. A raggiungere questa conclusione, in uno studio pubblicato sulla rivista  Personality and Social Psychology Bulletin, svolto in collaborazione dall’Università di Rochester e da Immersyve Inc., società che monitora i gusti dei videogiocatori.

“Per la stragrande maggioranza dei giocatori, anche quelli che apprezzano  i giochi violenti e ci giocano volentieri, la violenza non è un plus”, spiega Andrew Przybylski, che ha guidato lo studio. “Il contenuto violento è preferito solo da un piccolo sotto-gruppo di persone che solitamente riferiscono di essere più aggressive”, aggiunge Przybylski, ma persino loro non dichiarano di provare maggiore soddisfazione nel gioco con l’aumentare del sangue e della violenza. Attraverso due sondaggi online (cui hanno risposto 2600 giocatori abituali, quasi il 90 per cento dei quali maschi tra i 18 e i 39 anni)  e quattro studi sperimentali, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che le persone restano incollate a giocare soprattutto per il senso di sfida e di autonomia che sperimentano durante il gioco.

Tratto da " Panorama.it" - prosegui nella lettura dell' articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni