Pubblicità

Videogiochi e riduzione dell’empatia verso le donne vittime di violenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1943 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Identificazione con le caratteristiche del giocatore e formazione di credenze violente e discriminatorie

empatiaDa un nuovo studio che è stato condotto presso l’Università di Milano-Bicocca, in Italia, si è osservato che i giovani giocatori di sesso maschile che si identificano fortemente con i personaggi maschili di videogiochi violenti mostrano meno empatia di altri verso le donne vittime di violenza

Dopo aver giocato ad un gioco violento e sessista, questi ragazzi mostravano livelli più bassi di empatia e compassione quando veniva mostrata loro una foto raffigurante una giovane adolescente che aveva subito abusi fisici da parte di un coetaneo.

Brad Bushman, co-autore dello studio e professore di comunicazione e psicologia presso la Ohio State University, ha dichiarato che “le persone che visionano un’immagine di questo tipo solitamente affermano che la ragazza in foto appare terrorizzata. I maschi che invece si identificano realmente con i personaggi sessisti dei giochi violenti, non mostrano tanto empatia per la vittima”.

Anche se molti studi hanno dimostrato che videogiochi violenti possono aumentare l’aggressività, questa ricerca – fatta con studenti delle scuole superiori italiane – dimostra che i giochi che elicitano un’oggettivazione della donna creano ulteriori problemi, in quanto aumentano la probabilità di sviluppare in tali soggetti quelle che vengono chiamate “credenze maschili”.

Pubblicità

“Questo risultato fornisce una base migliore per capire esattamente come una combinazione di violenza e sessismo nei videogiochi faccia male ai giocatori di sesso maschile”, ha dichiarato Alessandro Gabbiadini, autore principale dello studio.

I partecipanti allo studio sono stati 154 studenti volontari italiani delle scuole superiori, con un’età compresa tra i 15-20 anni. Alcuni dei partecipanti hanno giocato a Grand Theft Auto, aventi caratteristiche sia di violenza che discriminazione sessuale, come GTA San Adreas o GTA Vice City.

A tal proposito, Bushman ha notato che in questi giochi, le donne sono personaggi secondari e la maggior parte sono prostitute o spogliarelliste che vengono utilizzate come oggetti sessuali dai giocatori.

Altri partecipanti hanno giocato ad Half Life 1 e 2, che presentano caratteristiche di violenza, ma non ritraggono donne in maniera sessuale, infatti il personaggio femminile in questi giochi svolge un ruolo attivo.

E infine, un terzo gruppo ha giocato a Pinball 3D o Q.U.B.E. 2, ossia giochi in cui non è presente né la violenza, né il sessismo.

Successivamente, sono state mostrate a tutti i giocatori due foto raffiguranti una giovane ragazza che è stata vittima di violenza. Nella prima compariva un giovane uomo che con una mano tiene il volto della donna e con l’altra si prepara a scagliarle un pugno. Nella seconda compare una donna con un occhio nero che piange e un uomo posto sullo sfondo della foto.

I partecipanti sono stati invitati a esprimere un voto da 1(per niente) a 7(molto) rispetto a come si sono sentiti verso la ragazza in foto.

I risultati hanno mostrato che i giocatori di sesso maschile che si identificavano a stretto contatto con i personaggi violenti-sessisti del videogioco sono stati quelli che hanno mostrato la minima empatia. Erano infatti coloro i quali si sentivano in maggiore accordo con dichiarazioni come “Quando sto giocando, sento come se fossi il mio personaggio”, oppure “ I ragazzi devono essere incoraggiati a trovare un mezzo per dimostrare la prestanza fisica”.

Bushman ha specificato che è significativo il fatto che i maschi che hanno giocato ad Half Life - che erano violenti, ma senza componenti sessiste- non hanno mostrato la stessa mancanza di empatia, come coloro che hanno giocato a GTA che combinava invece sessismo e violenza.

Sempre secondo Bushman, l’identificazione con i personaggi è una componente chiave in ciò che rende questi giochi così preoccupanti. Questi risultati dovrebbero quindi portare i genitori a rivedere i giochi che lasciano praticare ai loro figli e conclude sottolineando che: “Si potrebbe pensare che i giochi sono divertenti e innocui, ma quando i ragazzi si identificano con i personaggi maschili del gioco, questo può determinare la formazioni di credenze e convinzioni piuttosto preoccupanti circa la mascolinità e il modo in cui trattare le donne”.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: empatia aggressività videogiochi identificazione discriminazione giochi violenti giochi sessisti credenze maschili

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni