Pubblicità

Violenza domestica

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 518 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Coloro che perpetrano la violenza domestica potrebbero soffrire di una forma particolare di scompenso neuro-psicologico che altererebbe la loro capacità di controllare le proprie emozioni e gli impulsi aggressivi; questa l’ipotesi apparsa nell’ultimo numero della rivista Psychophysiology.

“Benché molti di questi fenomeni siano collegati ad abusi alcolici da parte dei soggetti violenti ed al fatto che siano stati esposti in passato ad analoghi vissuti all’interno delle loro famiglie di origine, la maggiorparte dei soggetti violenti sono solitamente sobri durante questi comportamenti” – dice il dr. Jhon C.Umhau, del National Institute on Alcohol Abuse di Bethesda (Md – Usa). Molti di coloro che presentano queste alterazioni comportamentali riferiscono che spesso un solo sguardo o una espressione particolare da parte dell’altro possono essere sufficienti per innescare il processo che conduce poi inevitabilmente all’esplosione emotiva ed all’attacco aggressivo verso l’altro, solitamente il proprio coniuge o partner. Le reazioni somatiche che si accompagnano a questi vissuti sono quelle tipiche delle reazioni ansiose e dell’attivazione organismica di fronte a stimoli percepiti come minacciosi: respiro affannoso, tremori, palpitazione, sensazione di non poter controllare la situazione.

Il dr.Umhau ed i suoi colleghi hanno focalizzato l’attenzione su tali reazioni del sistema nervoso autonomo, in particolare sull’attività vagale e sul ritmo cardiaco. In base alle rilevazioni condotte nella ricerca, l’ipotesi è che la regolazione dei comportamenti aggressivi abbia subito in questi soggetti una alterazione che nel tempo si è cronicizzata interferendo quindi nel normale funzionamento di inibizione di tali condotte.

Negli Usa si è stimato che circa il 30% del totale delle donne morte per uccisione sono state colpite mortalmente dai propri mariti o dai partners durante atti di violenza domestica.

tratto da: “Domestic Abuse And the Nervous System” - United Press International – Feb.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni