Pubblicità

Violenza domestica

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 620 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Coloro che perpetrano la violenza domestica potrebbero soffrire di una forma particolare di scompenso neuro-psicologico che altererebbe la loro capacità di controllare le proprie emozioni e gli impulsi aggressivi; questa l’ipotesi apparsa nell’ultimo numero della rivista Psychophysiology.

“Benché molti di questi fenomeni siano collegati ad abusi alcolici da parte dei soggetti violenti ed al fatto che siano stati esposti in passato ad analoghi vissuti all’interno delle loro famiglie di origine, la maggiorparte dei soggetti violenti sono solitamente sobri durante questi comportamenti” – dice il dr. Jhon C.Umhau, del National Institute on Alcohol Abuse di Bethesda (Md – Usa). Molti di coloro che presentano queste alterazioni comportamentali riferiscono che spesso un solo sguardo o una espressione particolare da parte dell’altro possono essere sufficienti per innescare il processo che conduce poi inevitabilmente all’esplosione emotiva ed all’attacco aggressivo verso l’altro, solitamente il proprio coniuge o partner. Le reazioni somatiche che si accompagnano a questi vissuti sono quelle tipiche delle reazioni ansiose e dell’attivazione organismica di fronte a stimoli percepiti come minacciosi: respiro affannoso, tremori, palpitazione, sensazione di non poter controllare la situazione.

Il dr.Umhau ed i suoi colleghi hanno focalizzato l’attenzione su tali reazioni del sistema nervoso autonomo, in particolare sull’attività vagale e sul ritmo cardiaco. In base alle rilevazioni condotte nella ricerca, l’ipotesi è che la regolazione dei comportamenti aggressivi abbia subito in questi soggetti una alterazione che nel tempo si è cronicizzata interferendo quindi nel normale funzionamento di inibizione di tali condotte.

Negli Usa si è stimato che circa il 30% del totale delle donne morte per uccisione sono state colpite mortalmente dai propri mariti o dai partners durante atti di violenza domestica.

tratto da: “Domestic Abuse And the Nervous System” - United Press International – Feb.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni